Home / Calcio Italia / TORINO. Rammarico Glik “meritavamo la qualificazione”
Kamil Glik

TORINO. Rammarico Glik “meritavamo la qualificazione”

Addio all’Europa tra gli applausi per il Torino. “Peccato – si rammarica Kamil Glik, autore del gol della speranza -, perché il portiere dello Zenit ha fatto cose incredibili. Già nel primo tempo potevamo essere avanti 2-0 ma purtroppo non siamo riusciti a segnare. Il mio gol annullato? Non so se fosse buono, secondo me ero in linea con Garay. In ogni caso possiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo fatto fin qui, soprattutto del nostro pubblico”.
“Il Toro avrebbe meritato i supplementari visto che lo Zenit non ha mai tirato in porta – sottolinea Giampiero Ventura – e tra il gol annullato, che mi dicono forse valido, le parate del portiere è un peccato, lo avremmo meritato. L’espulsione dell’andata di Benassi ci ha penalizzato molto, questo è il più grande rammarico. Sicuramente avremmo meritato il secondo gol, non avremmo rubato nulla”. Il tecnico granata è comunque orgoglioso: “Sono dispiaciuto per i giocatori e per il pubblico.
E sono rammaricato perché la partita ha detto che abbiamo giocato con grande maturità, grande lucidità contro una squadra tra le più importanti d’Europa. Questo per noi non deve essere un punto di arrivo ma un importante punto di partenza per il futuro di questa squadra e di questa società. Oggi abbiamo esportato l’immagine di una squadra che, se vuole, può, che non teme l’avversario perché è consapevole di quanto può fare”.
Andrè Villas Boas festeggia il passaggio ai quarti: “Abbiamo giocato bene difensivamente ma male in fase di possesso. Non abbiamo giocato come sappiamo, non siamo riusciti a trovare il gol della tranquillità e per questo abbiamo sofferto. Ma sono comunque soddisfatto della personalità dei miei giocatori, soprattutto nei 6′ di recupero, i più difficili della partita”.
Il tecnico portoghese dello Zenit guarda avanti: “Ora il sogno inizia a diventare un po’ più reale, vediamo chi avremo al sorteggio, non fa differenza l’avversario. A questo punto tutte le squadre sognano. La tensione alla fine? Chiedo scusa al Torino e ai tifosi per il mio comportamento che non è degno di un allenatore, me la sono presa con il team manager del Toro ma non c’entrava nulla”.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

CALCIO. La Nazionale Italiana compie 110 anni

Compie oggi 110 anni, ma non li dimostra. E’ la Nazionale italiana di calcio che, …

Cairo: "Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema"

Calcio. Cairo: “Andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema”

“Giusto salvare coppe e campionati, però andare oltre il 30 giugno rischia di essere un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *