Redazione

di: Redazione

Home / Cinema / TORINO. On The Green Road

TORINO. On The Green Road

Arriva, per la prima volta a Torino, On The Green Road, il film documentario che racconta il cambiamento ecologico, la cui diffusione è divenuta un vero proprio evento in Francia. Il film così come l’associazione che porta lo stesso nome, nascono infatti dal lungo viaggio intrapreso in bicicletta in 26 paesi dell’Europa dell’Est, dell’Oriente, dell’Asia, e dell’America Latina, da due giovani neodiplomati francesi, tra loro cugini, con il desiderio di esplorare e raccontare le azioni ecologiche nel Sud del mondo: Siméon Baldit de Barral e Alexandre Haslé de Barral.

Sarà proprio Siméon Baldit de Barral, regista del film insieme ad Alexandre Haslé de Barral e a Medhi Kahtane, ad introdurre la visione del film, alle 18 di martedì 15 maggio 2018, presso l’aula magna del Campus Luigi Einaudi dell’Università degli Studi di Torino (Lungo Dora Siena 100), in occasione di una proiezione aperta al pubblico voluta e organizzata dal gruppo studentesteco di impegno ambientale R-Eact e dal progetto Mercato Circolare dell’Associazione Pop Economix, con l’Associazione “On The Green Road” e il patrocinio del Festival Cinemambiente. Al termine della proiezione il regista dialogherà con il direttore del Festival Cinemambiente Gaetano Capizzi e con il pubblico.

Il film mostra la transizione ecologica come qualcosa di attuale, concreto, e già in azione in tutto il mondo, soprattutto attraverso azioni individuali o collettive locali, informate ed impegnate. Attraverso incontri e interviste con i protagonisti di queste azioni, il film è un inno all’agire localmente e pensare globalmente, all’azione individuale e collettiva locale, alla cittadinanza attiva.

Dopo Roma, Firenze, Bologna Venezia, Padova e Milano, la tappa torinese sarà la settima in Italia di un tour che, a partire dal 24 aprile, ha portato per la prima volta nel nostro Paese il progetto dell’Associazione “On The Green Road” (www.onthegreenroad.com), nata insieme al viaggio e cresciuta con il film e il tour: dal 2015, il documentario è stato proiettato più di 200 volte in Francia e all’estero nei contesti più diversi, dalle scuole elementari in Burkina Faso al Parlamento Europeo a Bruxelles.

Il documentario dura 80′, ed è sottotitolato in italiano. La scelta di non distribuire il film nel mercato convenzionale è voluta, per garantire una maggiore condivisione da parte di tutti: per finanziare le sue proiezioni On The Green Road si basa così sull’offerta libera del pubblico o di soggetti promotori.

Commenti

Leggi anche

ROMA. Il film “Soledad, storia d’amore e anarchia” presentato alla Festa del Cinema

Maria Soledad Rosas, chiamata Sole, 24 anni, argentina, arrivata in Italia nel 1997, il 5 …

A Torino il 2 giugno c’è “Aida”

Tutto comincia nel nord Italia, in una giornata apparentemente qualunque dell’anno 1946. Una donna anziana, …