Redazione

di: Redazione

Home / Piemonte / TORINO. Il Nord spera nel meteo, pioggia e vento contro lo smog

TORINO. Il Nord spera nel meteo, pioggia e vento contro lo smog

maltempo
maltempo

Tutti col naso all’insù a scrutare oltre la coperta grigia che da qualche giorno nasconde il cielo.
Le regioni del Nord sperano nella pioggia e nel vento, annunciati dalle previsioni meteo, per far fronte all’emergenza smog, che rende l’aria delle città irrespirabile, in una escalation di pm10 che non sembra avere fine. Torino, che oggi ha bloccato anche i diesel Euro5, è la città più inquinata: da gennaio a oggi salgono a 70 i giorni di superamento delle polveri sottili. Male anche Milano e Venezia, appaiate a quota 59 nella speciale classifica stilata da Legambiente, ma la presenza di Pm10 nell’aria cresce anche tra le montagne della Valle d’Aosta. Ed è polemica sull’incapacità della politica di affrontare il problema.
“Quella che stiamo vivendo non è una cosa capitata all’improvviso, la pianura padana ha una configurazione morfologica che la porta ad essere più vulnerabile delle altre”, sottolinea il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti. “Nei mesi abbiamo fatto uno sforzo organizzativo di coordinamento molto forte, abbiamo lavorato su un protocollo d’intesa con delle azioni strutturali di medio periodo e con delle azioni che devono entrare in funzione nei momenti d’emergenza”, aggiunge, precisando che il ministero “più di una funzione di coordinamento” non può avere. “Il blocco del traffico e le decisioni sulla temperatura delle case spettano ai Comuni, e le Regioni hanno altre competenze”.
Troppo poco per il coordinatore dei Verdi, Angelo Bonelli, che bolla Galletti come il “ministro del Non-Ambiente”. Di fronte al “nulla” deciso dal suo governo, dice Bonelli, “in altri Paesi del Nord Europa i ministri dell’Ambiente sono impegnati nell’avvio di processi di conversione ecologica dei sistemi, investendo cifre che superano il miliardo di euro”.
Il sindaco di Bologna, Virginio Merola, ricorda che “nessuna politica pubblica può, da sola, invertire la rotta, mentre la prima cittadina di Torino, Chiara Appendino, punta il dito contro “anni di assenza di politiche dedicate a creare miglioramenti strutturali”. “Questa è una situazione emergenziale – sottolinea – e le situazioni emergenziali non si creano quasi mai da un giorno all’altro”.
La decisione di bloccare anche i diesel Euro 5, e l’invito a chiudere porte e finestre, hanno suscitato critiche e ilarità, ma Appendino tira dritto. “Non abbiamo esagerato”, sostiene la sindaca del capoluogo piemontese. “Nessun amministratore si diverte a bloccare le auto, consapevole di creare possibili disagi, ma quando ci si trova di fronte a un’emergenza, è necessario prendere delle scelte. I rilevamenti di questi giorni mostrano una situazione grave. Sulla salute non abbiamo nessuna intenzione di prendere le cose con leggerezza”.
E allora non resta che sperare nel meteo, con pioggia e venti forti che domani dovrebbero ripulire un po’ l’aria in Val Padana.

Commenti

Leggi anche

povertà

TORINO. Povertà: mons. Nosiglia partecipa Colletta Alimentare

Come negli anni passati, domani alle 12.30 l’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, andrà a …

Carabinieri

NOVARA. Violenza donne: dopo 15 anni maltrattamenti denuncia l’ex

Dopo aver subito 15 lunghi anni di maltrattamenti e violenze, ha avuto il coraggio di …