Home / Piemonte / TORINO. Migranti: ex Moi Torino, trasferiti i primi profughi
Moi
ex Moi

TORINO. Migranti: ex Moi Torino, trasferiti i primi profughi

Ha preso il via questa mattina, a Torino, il trasferimento dei primi migranti dall’ex Moi, il villaggio olimpico da tempo occupato da famiglie di profughi e migranti. Le operazioni prendono il via dalle cantine. I primi migranti verranno collocati in posti letto messi a disposizione dalla Diocesi di Torino.
In via Giordano Bruno, con gli agenti della Digos, sono presenti l’assessore comunale alla Sicurezza, Roberto Finardi, e il presidente della Circoscrizione, Davide Ricca.

“Per ora sta andando tutto bene – afferma Davide Ricca, presidente della Circoscrizione 8 -. È stato portato avanti un progetto condiviso con gli occupanti, che già da ieri sono stati informati del trasferimento. Questo è un primo passo per la liberazione delle palazzine e la loro restituzione al quartiere”.
Nelle palazzine dell’ex villaggio olimpico di Torino 2006 vivono in tutto circa 750 stranieri, 50 dei quali nei sotterranei. Il progetto Moi – acronimo di Migranti Opportunità Integrazione – è stato messo in campo con Prefettura, Comune di Torino, Regione Piemonte, Città Metropolitana, Diocesi e Compagnia di San Paolo.
Il primo tassello del progetto è stato il censimento delle persone che da quattro anni occupano le case nate per ospitare gli atleti durante le Olimpiadi del 2006.
Il progetto, che sarà portato a termine in tre anni, prevede innanzitutto la ricerca di posti di lavoro, alcuni dei quali già reperiti. I posti letto sono stati trovati in alloggi del Comune di Torino e in locali messi a disposizione dalla Diocesi. Altri saranno reperiti con un bando di social housing della Città.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

SETTIMO. Lutto per l’ex Consigliere Comunale Michele Marchitto

Simone Corradengo, giornalista e nipote dell’ex consigliere comunale Michele Marchitto, ci ha inviato l’articolo per …

LANZO – Quei torcettini che conquistarono Mario Sodati

Storie di uomini che si intrecciano alla grande storia. Poteva essere questo il sottotitolo non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *