Home / Piemonte / TORINO. Lavoro: Poletti, “contro il sommerso serve un cambio di mentalità”
Giuliano Poletti
Giuliano Poletti

TORINO. Lavoro: Poletti, “contro il sommerso serve un cambio di mentalità”

“Per combattere il lavoro nero, i controlli e le regole, pure importanti, da soli non bastano, serve un un cambio di mentalità, deve crescere la coscienza e cultura della legalità”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, in un incontro con i giovani studenti professionali della Piazza dei Mestieri.

“Il lavoro nero – ha aggiunto – è un problema che va affrontato e combattuto, leggi e divieti aiutano ma non bastano.

Da parte nostra abbiamo aumentato i controlli per sanzionare chi ha comportamenti illegali, ma deve anche la società nel suo complesso deve diventare più consapevole, serve un cambio di mentalità, deve crescere la cultura alla legalità”.

“Vedere Crozza che mi prende in giro mi diverte e soprattutto apprezzo il fatto che ha riportato in tv un mestiere che sembrava scomparso, il bovaro, che era di mio padre”. Così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, nel corso di un incontro con i giovani della Piazza dei Mestieri.

“Oggi in tv vanno solo i mestieri fighi, come quello dello chef, mentre altri non solo non ci vanno, ma sembra che non esistano più – ha aggiunto – per questo se Crozza per prendermi in giro parla del mestiere che ho fatto fino a 20 anni insieme a mio padre mi diverte. Quindi non sono per nulla arrabbiato e anzi, anche quando mi prende in giro su qualcosa che ho fatto mi fa riflettere per farlo meglio la prossima volta”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

SETTIMO. Scuole chiuse da lunedì. Piastra: “È un grave errore”

A partire da lunedì 8 marzo in Piemonte l’attività didattica di seconde e terze medie …

Il sindaco Mauro Nicolino

Elezioni, Nicolino è indeciso: “Terzo mandato? E i giovani?”

Mauro Nicolino non ha ancora deciso. Le elezioni comunali sono alle porte, ma tutto è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *