Home / Piemonte / TORINO. IoLavoro, 9.000 partecipanti e oltre 15.000 colloqui
Pentenero Gianna
Gianna Pentenero

TORINO. IoLavoro, 9.000 partecipanti e oltre 15.000 colloqui

 Chiude oggi, dopo tre giorni, la diciottesima edizione della job fair Iolavoro: 9 mila i partecipanti che hanno sostenuto oltre 15 mila colloqui di lavoro, hanno assistito a un centinaio tra workshop, seminari, conferenze su tematiche del lavoro e della formazione, hanno incontrato e dialogato con 120 aziende. “IoLavoro si conferma un appuntamento dai grandi numeri”, ha sottolineato l’assessore all’Istruzione, Lavoro e Formazione professionale, Giovanna Pentenero. Già fissate le date della prossima edizione che sarà dal 21 al 23 ottobre. Grande la partecipazione alle iniziative per l’orientamento formativo e professionale WorldSkills. Oltre 2.000 ragazzi delle scuole medie hanno partecipato ai tour dei mestieri (cuoco, cameriere, pasticcere, grafico, meccanico, sarto, acconciatore, estetista e muratore).
Cento docenti hanno affiancato 300 studenti che sono stati coinvolti nell’organizzazione dei laboratori. L’appuntamento con i Campionati dei Mestieri (validi per l’accesso ai Nazionali e agli Europei di Goteborg 2016) sarà dal 21 al 23 ottobre durante la prossima edizione di IoLavoro: in gara i ragazzi del Piemonte e, per la prima volta, quelli della Liguria. Sono, inoltre, in corso accordi con le altre regioni per aprire le competizioni ai giovani provenienti da tutta Italia.
“Esperienze come WorldSkills – osserva Pentenero – contribuiscono a modificare la cultura del mondo del lavoro.
Spesso si tende a pensare che gli istituti tecnici, professionali e le agenzie di formazione non favoriscano un progetto lavorativo dignitoso. E’ un errore: esse permettono ai ragazzi di apprendere competenze di carattere tecnico professionali e, inoltre, nessun percorso di studi preclude l’accesso al sistema dell’alta formazione e all’università.
Eventi come WolrdSkills sono efficaci e utili perché mostrano le diverse competenze professionali in una dinamica competitiva, di assoluta innovazione, più attraente per i ragazzi. In questo senso si inseriscono anche le attività di orientamento e riorientamento finanziate con le risorse del Fondo Sociale Europeo e il programma Garanzia Giovani, dedicato all’individuazione e al recupero dei cosiddetti Neet, i giovani tra i 15 e i 29 anni che non sono iscritti né a scuola né all’università, che non lavorano e non cercano un’occupazione. I numeri del progetto regionale sono positivi, e altrettanti saranno quelli del programma nazionale ma io credo che, se davvero si vuole raggiungere la maggior parte dei Neet, ci sia bisogno di intercettarli con canali più informali. Penso quindi a una Garanzia Giovani 2, ad azioni mirate e comuni definite in sinergia tra enti locali, Ministero dell’Istruzione e quindi Uffici Scolastici regionali, aziende, agenzie per il lavoro e centri per la formazione professionale”.
IoLavoro andrà in tour in altre città del Piemonte: 14 e 15 maggio a Vercelli, 10 e 11 giugno ad Alessandria. “E’ il momento di guardare con ottimismo – ha dichiarato Franco Chiaramonte, direttore Agenzia Piemonte Lavoro – alle opportunità che vengono dal mercato del lavoro che, finalmente, dà segni di ripresa. Chi viene a IoLavoro trova concretamente queste opportunità”.
La manifestazione è finanziata dal Fondo Sociale Europeo, promossa dalla Regione Piemonte, organizzata dall’Assessorato Istruzione, Lavoro e Formazione professionale della Regione Piemonte, realizzata dall’Agenzia Piemonte Lavoro in collaborazione con Camera di commercio di Torino, Città metropolitana di Torino, Città di Torino e con la partecipazione del Ministero del Lavoro, Inps Piemonte, Italia Lavoro, Centri per l’Impiego, Servizi per l’Impiego francesi Ple-Emploi Rhne-Alpes e rete Eures.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

LANZO – Quei torcettini che conquistarono Mario Sodati

Storie di uomini che si intrecciano alla grande storia. Poteva essere questo il sottotitolo non …

LANZO – Riflessioni sulla pandemia dalle Valli di Lanzo

Sono le minoranze più rumorose, lo sappiamo bene, a farsi notare di più in ogni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *