Home / Attualità / TORINO. Incontro su Magneti Marelli. Sindacati: nessun rischio per lavoro
FCA

TORINO. Incontro su Magneti Marelli. Sindacati: nessun rischio per lavoro

I conti del terzo trimestre di Fca, primo periodo interamente sotto la guida del nuovo amministratore delegato Mike Manley, saranno domani sul tavolo del consiglio di amministrazione convocato a Londra. Occhi puntati soprattutto sull’utile netto e sull’ebit, attesi in crescita dagli analisti grazie al buon andamento delle vendite nell’area Nafta. Oggi a Piazza Affari il titolo ha guadagnato l’1,7%. Mercoledì la situazione del settore auto in Italia sarà al centro di un incontro con i sindacati convocato dal Ministero del Lavoro.
I dati del trimestre ancora non tengono dell’uscita dal gruppo della Magneti Marelli, ceduta una settimana fa alla giapponese Calsonic Kansei. E’ la prima operazione conclusa da Manley che, con il presidente John Elkann, ha raggiunto un accordo importante per lo sviluppo futuro dell’azienda, vero gioiellino della componentistica, ma anche per Fca che incassa 6,2 miliardi di euro. Una cifra rilevante che servirà anche per realizzare il piano industriale per gli stabilimenti italiani dell’auto, a partire da Mirafiori e Pomigiliano. Investimenti che saranno illustrati ai sindacati – non si sa ancora se ci sarà Manley o toccherà al neoresponsabile delle attività europee Pietro Gorlier e al numero uno delle relazioni sindacali, Pietro De Biasi – a fine novembre: il 29 a Fim, Uilm, Fismic, Ugl e Associazione Quadri, il 30 alla Fiom.
Il passaggio di mano della Magneti Marelli è stato al centro di un incontro fra i sindacati e la direzione aziendale a Corbetta (Milano). “Non sussiste alcuna sovrapposizione produttiva in Italia e in Europa che metta a rischio l’occupazione nelle fabbriche Magneti Marelli” assicurano Fim, Uilm, Fismic, Uglm e Associazione Quadri. “Calsonic – sottolineano – è forte in ambiti diversi e Magneti Marelli avrà più risorse e occasioni, per investire nell’ambito dell’elettronica e della elettrificazione, soprattutto sui mercati asiatici dove ha sempre fatto fatica ad essere presente”. “Prendiamo atto delle affermazioni fatte a un tavolo ufficiale e continueremo a monitorare la situazione. Resta il fatto che un altro pezzo di eccellenza italiana e della filiera industriale passa in mano straniera e il cuore del gruppo sarà in Giappone”, commenta Edi Lazzi, segretario generale della Fiom Torino, città in cui la Magneti Marelli ha 3.200 dipendenti.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Dal 1° ottobre torna l’ordinanza sul “blocco traffico”

Deliberato dalla Giunta regionale, su iniziativa dell’assessore all’Ambiente, lo schema di ordinanza che i sindaci …

referendum

Quando si combatte una buona battaglia si può anche perdere, ma non si è mai sconfitti… Resisteremo

Martedì 22 settembre 2020, giorno dopo il referendum sulla riduzione dei parlamentari: c’è chi si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *