Home / Piemonte / TORINO. Il rapimento del commerciante di auto non fu per estorsione

TORINO. Il rapimento del commerciante di auto non fu per estorsione

Non era un sequestro di persona a scopo di estorsione, ma un sequestro semplice. La Corte d’assise di Torino, presieduta dal giudice Alessandra Salvadori, ha condannato per questo motivo a pene lievi tre uomini accusati del rapimento lampo, nell’aprile 2017 a Torino, di un commerciante di auto, Ivan Napoli.
Filippo Bavuso, ritenuto l’ideatore del rapimento, è stato condannato a 4 anni e 6 mesi. Condannati anche Angelo Alosi (4 anni 5 mesi e 10 giorni) e Simone Aleccia (2 anni e 8 mesi). Gli imputati sono stati assolti dall’accusa di rapina.
Nei confronti degli imputati i sostituti procuratori della Direzione distrettuale antimafia, Monica Abbatecola e Paolo Toso, avevano chiesto tre condanne a 13 anni e mezzo. Per gli inquirenti il sequestro era maturato in ambienti vicini alla criminalità organizzata.
L’indagine, condotta dalla squadra mobile della polizia di Stato, era scattata dopo il ricovero in ospedale di Napoli, accidentalmente ferito dai rapitori mentre era rinchiuso in un garage.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Ospedale Sant'Andrea di Vercelli

VERCELLI. S’allagano alcune stanze del reparto dialisi dell’ospedale

Il crollo di alcuni controsoffitti nella nuova dialisi dell’ospedale Sant’Andrea di Vercelli, non ancora inaugurata, …

TORINO. Rubano televisori e fuggono in auto

Rubano televisori da un supermercato e si danno alla fuga. E’ successo a Torino, dove …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *