Home / Piemonte / TORINO. Il Piemonte punta sulla formazione, cresce l’offerta dei corsi Its dai 19 ai 25 anni

TORINO. Il Piemonte punta sulla formazione, cresce l’offerta dei corsi Its dai 19 ai 25 anni

Cresce l’offerta formativa dei corsi Its della Regione Piemonte. I nuovi corsi gratuiti post diploma, nati per rispondere alle esigenze del mercato del lavoro e per qualificare i giovani con una formazione specifica, proiettata verso i mestieri del futuro, salgono da 19 a 25. “Il Piemonte – spiegano in una nota il presidente della Regione, Alberto Cirio, e l’assessore regionale alla Formazione professionale, Elena Chiorino – ha deciso di scommettere sulla formazione terziaria come strumento per contrastare la disoccupazione giovanile e ridurre la dispersione scolastica, integrando politiche formative e occupazionali. Uno dei valori aggiunti degli Its risiede infatti nella stretta collaborazione tra mondo della formazione, dell’università e delle imprese, con un forte orientamento verso l’Impresa 4.0”. “In un contesto in cui le imprese faticano a trovare le figure professionali di cui hanno bisogno e i giovani a inserirsi nel mondo del lavoro – proseguono Cirio e Chiorino – gli Its rappresentano un’opportunità importante, come testimoniano le percentuali occupazionali a un anno dalla conclusione della formazione e la forte richiesta di tecnici da parte delle aziende lascia prevedere che tali statistiche siano destinate a migliorare ulteriormente. La nostra volontà è quella di rendere la formazione e l’orientamento, ad ogni livello, sempre più mirate ed efficaci, per consentire ai nostri giovani di trovare lavoro, vivere e realizzare i propri sogni in Piemonte”.

La Regione ha approvato la graduatoria dei corsi finanziati dal Fondo Sociale Europeo per il biennio 2019-2021: un investimento che consente ai nei diplomati di seguire un percorso formativo di eccellenza realizzato a stretto contatto con le aziende, pronte – nell’80 per cento dei casi – ad assumerli non appena hanno acquisito il diploma biennale. Finanziati dalla Regione grazie a una direttiva pluriennale che ha stanziato, fino al 2019, 15 milioni di euro provenienti dal Fondo sociale europeo, a cui si aggiunge uno stanziamento annuale da parte del ministero dell’Istruzione, gli Istituti tecnici superiori sono corsi biennali post diploma gratuiti, con obbligo di frequenza, alternativi o complementari ai percorsi universitari, che rilasciano il Diploma di Tecnico Superiore, riconosciuto sia a livello nazionale che internazionale. Gestiti da Fondazioni che mettono insieme enti, università, centri di formazione e imprese, i percorsi formativi prevedono uno stage in azienda di almeno 540 ore, che in alcuni casi può essere svolto all’estero, con il sostegno delle borse di studio Erasmus. L’obiettivo è formare tecnici altamente specializzati in settori strategici per lo sviluppo economico del territorio, dall’agroalimentare all’ICT, alla mobilità sostenibile, dal turismo e cultura alla moda, senza tralasciare l’efficienza energetica e le biotecnologie

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORINO. Blitz della Gdf al liceo Gioberti, identificati i prof

L’assenza di un prof a scuola non sfugge di certo: chi non ricorda il chiasso …

TORINO. Verbali Appendino, ex portavoce voleva ‘vuotare sacco’

Di essere minacciata, Chiara Appendino non se n’era mai accorta. La sindaca di Torino, ascoltata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *