Home / Piemonte / TORINO. Grattacielo Piemonte: sentenza, variante era necessaria
grattacielo della regione

TORINO. Grattacielo Piemonte: sentenza, variante era necessaria

La variante al progetto di Massimiliano Fuksas al grattacielo della Regione Piemonte, oggetto di un’inchiesta della procura della Torino, era “un’iniziativa adottata in un’ottica di immanente e ineludibile necessità e non di una strategia imprenditoriale ispirata da un calcolo utilitaristico”. Lo affermano i giudici della quarta sezione penale del Tribunale di Torino nelle motivazioni della sentenza con cui il 27 febbraio scorso hanno assolto sei persone dalle accuse di corruzione, falso in atto pubblico e abuso d’ufficio. Secondo l’accusa il raggruppamento di aziende titolari dell’appalto, la Torre Regione Piemonte, avrebbe assegnato dei subappalti all’azienda amministrata dall’ex presidente della Regione Ezio Enrietti, marito di una dirigente regionale Maria Grazia Ferreri, in cambio dell’approvazione della variante che avrebbe permesso di ottenere dei risparmi. Per i giudici, invece, il risparmio effettivo era di 13mila euro circa “devoluto solo per metà all’appaltatore e per la restante quota alla stazione appaltante”. L’appaltatore, un ati guidata da Coopsette, “aveva già assunto un notevole rischio di successiva esposizione finanziaria a fronte di tale considerevole abbattimento del prezzo posto a base di gara, poi confermato in sede di aggiudicazione”. I giudici prendono in considerazione la necessità della modifica al progetto per il rischio del terreno e sottolineano “la sostanziale assenza in capo ai responsabili delle imprese costruttrici di emergenti interessi economici ulteriori e diversi da quelli sottesi all’aggiudicazione dell’appalto”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

SETTIMO. Lutto per l’ex Consigliere Comunale Michele Marchitto

Simone Corradengo, giornalista e nipote dell’ex consigliere comunale Michele Marchitto, ci ha inviato l’articolo per …

LANZO – Quei torcettini che conquistarono Mario Sodati

Storie di uomini che si intrecciano alla grande storia. Poteva essere questo il sottotitolo non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *