Home / BLOG / TORINO. Giovanni La Valle commissario dell’AOU. Ma non è quello del concorso fai-da-te?
Giovanni La Valle
Giovanni La Valle

TORINO. Giovanni La Valle commissario dell’AOU. Ma non è quello del concorso fai-da-te?

Il comunicato dell’Ufficio stampa della Regione Piemonte non lascia spazi alla libera immaginazione.  Il dottor Giovanni La Valle è il nuovo Commissario dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino. Lo ha nominato la Giunta regionale su proposta dell’Assessore alla Sanità, Luigi Icardi.

Giovanni La Valle, 50 anni, laureato in Medicina e Specialista in Igiene e Medicina Preventiva dal 2018 era già direttore sanitario dell’AOU. Tra i suoi precedenti incarichi, ricordiamo quello di dirigente responsabile dei presidi di Avigliana, Giaveno, Venaria e Susa, di direttore sanitario del Policlinico San Martino di Genova e, dal 2012 al luglio 2016, direttore sanitario dell’Asl To4.

Ed è di quest’ultimo che è bene parlare non foss’altro che scappò a gambe levate in seguito ad uno scandalo su un concorso da primario per la direzione dell’ospedale di Chivasso. Un concorso “fai-da-te” da lui organizzato come direttore sanitario dell’intera Asl To4 e da lui vinto, ma non con l’intenzione di andare ad occupare quel posto, per il quale  si sarebbe continuato a far leva su un “facente funzione da primario”.

Insomma, come scrivevamo allora “non era normale, per quanto legale fosse, che un direttore sanitario dell’intera Asl, non ancora “primario”, organizzasse, partecipasse e infine vincesse un concorso per un posto da “primario” (la direzione sanitaria dell’ospedale di Chivasso) per poi mettersi in aspettativa e continuare a fare quello che stava facendo…” decisamente più remunerato.

Dopo la nostra denuncia, com’era normale che fosse, scoppiò un pandemonio.

Ad un comunicato stampa dell’Asl TO4,  in difesa del bando di concorso e di come si era sviluppato, ne seguì  uno, nientepopòdimenoche dell’allora assessore regionale Antonio Saitta, di rimprovero con tanto di invito a Giovanni La Valle  “ad alzare i tacchi” dalla direzione sanitaria dell’Asl. Il giorno dopo La Valle ascoltò i consigli e si dimise, andando a fare il primario dell’ospedale di Chivasso cioè proprio ciò che non avrebbe voluto fare.

Una gran brutta figura per lui e per il direttore generale Lorenzo Ardissone che aveva avallato tutte le decisioni peraltro difendendo il “pupillo”, come solo poteva essere considerato chi stava svolgendo un incarico fiduciario.

“E’ vero – aveva insistito Ardissone – La delibera di indizione del concorso era stata firmata da tutti e tre i direttori (generale, amministrativo e sanitario) dell’Asl TO4, quindi da me, dalla dott.ssa Ada Chiadò e dal dott. Giovanni La Valle perché così prevedono le regole… La Valle lo ha fatto perchè la firma di tutte e tre era obbligatoria, ma era assolutamente possibile per lui partecipare alla selezione pubblica….”. E poi sui partecipanti. “Ne abbiamo ammessi 12, si sono presentati in 3 e sono risultati tutti idonei”.  E siccome  Giovanni La Valle ha preso il punteggio più alto di tutti, ha vinto.

E di domande, in quei giorni, ne vennero fuori molte altre. Giovanni La Valle che aveva sicuramente i titoli per partecipare al bando di concorso di direttore di presidio a Chivasso ce li aveva anche quando è stato scelto, nel 2012, da Flavio Boraso, per l’incarico di direttore sanitario dell’Asl?

Sul suo curriculum, in allora, si leggeva che era stato direttore di una struttura complessa (l’ospedale di Pinerolo), per  appena 9 mesi, dal 1° ottobre del 2009 al 31 luglio del 2011. Pochino….

Direttore dell’Asl To4 e direttore d’ospedale: che differenza c’è?

La differenza non è di forma, ma di sostanza. Per essere direttore sanitario di presidio si deve partecipare e vincere un concorso da “primario”. Per stare alla destra, o alla sinistra, del direttore generale di un’Asl, invece, oltre ai titoli devi avere la sua fiducia.

Nello specifico Giovanni La Valle era impiegato all’Asl To 3 come  “vice” ma faceva il direttore sanitario in attesa del rientro del primario. Nel giugno del 2012 prende l’aspettativa e accetta l’incarico di direttore sanitario di tutta l’Asl To 4 (che è un incarico fiduciario). Non avesse vinto il concorso da direttore sanitario dell’ospedale di Chivasso, allo scadere dell’incarico avrebbe fatto rientro a Pinerolo. E invece ha vinto il concorso e dopo qualche tempo è volato a Genova a dirigere il Policnico San Martino.

 

 

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

Piazza Ottinetti

IVREA. Nuova biblioteca comunale: 15 anni di chiacchiere

Ci sono volute  lettere al Presidente del Consiglio e un fiume di parole perché le …

giovanni falcone

Perché?

Il 24 maggio del 1992 stavo rientrando da un viaggio in Austria e Ungheria: Salisburgo, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *