Home / Piemonte / TORINO. Defibrillatori a Balangero, Ceres, Fiano, Forno, Front, Rivara, Rocca, Sparone e Viù

TORINO. Defibrillatori a Balangero, Ceres, Fiano, Forno, Front, Rivara, Rocca, Sparone e Viù

Nuovo tassello della campagna di sensibilizzazione della Regione per la diffusione dei defibrillatori sul territorio, per il primo soccorso in situazioni di emergenza. 

Venerdì scorso, l’assessore alla Polizia Locale Giovanni Maria Ferraris ha infatti consegnato 19 defibrillatori ad altrettanti sindaci dei seguenti Comuni: Balangero, Bibiana, Bobbio, Pellice, Bricherasio, Ceres, Fiano, Forno, Front, Frossasco, Germagnano, Oulx, Poirino, Rivara, Rocca Canavese, Sangano, San Secondo di Pinerolo, Santena, Sparone, Viù. 

In via Avogadro a Torino, l’assessore Ferraris ha ricordato che «l’arresto cardiaco è una causa di morte frequente. In Italia tra le 60 mila e le 70 mila persone sono colpite ogni anno da questo evento imprevedibile ed attualmente la defibrillazione precoce è il sistema più efficace per garantire le maggiori percentuali di sopravvivenza, in caso di arresto cardiocircolatorio. L’assessorato alla Polizia Locale, con l’ausilio dell’assessorato alla Sanità ha ritenuto importante attivare le necessarie iniziative, per garantire ai cittadini prevenzione, efficacia e diffusione di utilizzo del defibrillatore da parte degli operatori di Polizia Locale, che intervengono spesso prima di ogni altro ente, fornendo agli stessi anche l’adeguata formazione. Proprio per questo, nei prossimi mesi ne verranno consegnati altri 144 in tutta la regione».

In attesa dell’arrivo dei soccorsi, chi è testimone di un arresto cardiaco può intervenire con strumenti adeguati. L’arresto cardiaco è infatti un evento imprevedibile e spesso causato da aritmia ventricolare, che può essere interrotta con uno shock elettrico. Dopo due minuti si ha ancora l’80 per cento di possibilità di salvarsi. Dopo otto minuti le possibilità si riducono al solo 20 per cento. Secondo la letteratura scientifica, le manovre salvavita e la defibrillazione precoce possono arrivare a triplicare la sopravvivenza degli infortunati. In sostanza, l’incremento dei defibrillatori consentirà di salvare più vite umane.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

Vento forte

TORINO. Tempo: raffiche vento sferzano il Torinese

Il vento ha cominciato a sferzare da questa mattina Torino e alcune aree della provincia. …

TORINO. Vento a 70 kmh, rimosse le lamiere pericolanti tetto palazzo Agenzia Entrate

I vigili del fuoco stanno intervenendo, oggi a Torino, in via Grattoni, per alcune lamiere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *