Home / Piemonte / TORINO. De Tomaso: Porchietto, c’è il tempo per portare a casa offerta
Claudia Porchietto
Claudia Porchietto

TORINO. De Tomaso: Porchietto, c’è il tempo per portare a casa offerta

C’e’ ancora tempo per portare a casa un’offerta che salvi la De Tomaso ed eviti più di 900 licenziamenti. E’ l’opinione dell’assessore regionale al Lavoro, Claudia Porchietto dopo le preoccupazioni espresse dal curatore fallimentare Enrico Stasi.

“Ritengo – spiega Porchietto – che ci siano gli spazi sia per reiterare la cassa integrazione sia per definire gli accordi che porteranno all’offerta. Prendo atto della preoccupazione del curatore ma mi stupiscono le sue perplessità estremamente negative. Ho convocato per oggi una riunione straordinaria e aspetto per domani la prima offerta. Le strutture tecniche hanno lavorato negli ultimi dieci giorni per definire percorsi che permetteranno agli investitori di promuovere una offerta e di questo la curatela è al corrente. Ho già convenuto un percorso con il ministro Plletti per chiedere il prolungamento della cassa in deroga”.

Oggi l’assessore regionale al Lavoro, Claudia Porchietto, ha incontrato un rappresentante della procedura fallimentare (il curatore Enrico Stasi è fuori Torino).

“L’incontro – spiega l’assessore – è stato utile per veder confermato dal ministero la disponibilità ad un incontro, a breve, per reiterare la cassa integrazione. Il Mise, d’intesa con la Regione Piemonte, ha valutato la possibilità di chiedere un ulteriore periodo di ammortizzatore sociale a fronte della documentazione che la cordata di acquirenti sta predisponendo.

Ho riscontrato, alla presenza della procedura, la massima disponibilità dei ministeri a supporto della vicenda De Tomaso”.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

SETTIMO. Lutto per l’ex Consigliere Comunale Michele Marchitto

Simone Corradengo, giornalista e nipote dell’ex consigliere comunale Michele Marchitto, ci ha inviato l’articolo per …

LANZO – Quei torcettini che conquistarono Mario Sodati

Storie di uomini che si intrecciano alla grande storia. Poteva essere questo il sottotitolo non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *