Home / Piemonte / TORINO. Costringe figlie a sci e macrobiotico,9 mesi a padre
condanna

TORINO. Costringe figlie a sci e macrobiotico,9 mesi a padre

 E’ stato condannato a 9 mesi per maltrattamenti il padre torinese che costringeva le figlie a praticare sci agonistico e a mangiare cibi macrobiotici perché “troppo grasse”. Il giudice ha accolto la tesi del pm Barbara Badellino, che aveva chiesto dieci mesi. A denunciare l’uomo era stata la madre delle ragazze, da cui è separato.  La procura di Torino gli contestava di avere turbato l’equilibrio psichico delle due ragazze.
L’uomo, un facoltoso torinese, considerava le figlie “grasse” e glielo ricordava in continuazione usando espressioni ben più pesanti.
Il caso è iniziato nel 2011, quando l’ex moglie, dopo aver raccolto lo sfogo delle figlie che non volevano più vedere il padre, aveva presentato un esposto. L’uomo ha sempre sostenuto invece che la sua era la normale preoccupazione di un padre per la salute delle figlie.
La condanna potrebbe fare giurisprudenza. Non ci sono infatti precedenti analoghi.  “Si è trattato della normale preoccupazione di un padre per le proprie figlie, faremo ricorso”. Lo afferma il legale – che non vuole essere citato – del padre torinese condannato a nove mesi per maltrattamenti per aver costretto le due figlie a praticare sci agonistico e a mangiare cibo macrobiotico perché troppo grasse.
Nel corso del dibattimento il padre, un facoltoso torinese, non ha negato il proprio comportamento. “Da bambine erano molto sportive – aveva detto – ma crescendo avevano cambiato interessi, preferendo la discoteca. Ero soltanto preoccupato per la loro salute”.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

SAN MARTINO. Carabinieri in Comune per allontanare la consigliera Zilli

Carabinieri. Ambulanza. Mezzo paese affacciato all’uscio del Comune mentre dentro scoppiava una bagarre che così …

IVREA. Lettera aperta a Gillardi. C’era una volta lo “Speciale Mugnaia”

Egregio presidente dello storico carnevale di Ivrea Piero Gillardi e pc Sindaco di Ivrea Sentinella …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *