Home / Piemonte / TORINO. Cellulari e tumori: giudici, da perizie nesso con malattia
Procura

TORINO. Cellulari e tumori: giudici, da perizie nesso con malattia

Le perizie tecniche hanno fornito “solidi elementi per affermare un ruolo causale tra l’esposizione dell’appellato alle radiofrequenze da telefono cellulare e la malattia insorta”. E’ quanto scrivono i giudici della Corte d’Appello di Torino nella sentenza sul caso di Roberto Romeo, ex dipendente Telecom Italia che, dopo aver trascorso 15 anni facendo frequenti telefonate di lavoro con il cellulare vicino all’orecchio, ha scoperto di essere affetto da neurinoma del nervo acustico, un tumore alla testa benigno ma invalidante. La sentenza ha confermato quella di primo grado del Tribunale di Ivrea del 2017 che aveva condannato l’Inail a corrispondere a Romeo, assistito dallo studio legale Ambrosio&Commodo di Torino, una rendita vitalizia da malattia professionale. Le nuove consulenze tecniche richieste dai giudici rivelano come “i campi elettromagnetici ad alta frequenza” siano “cancerogeni possibili per l’uomo”, anche sulla base di uno studio dell’Agenzia internazionale dell’Organizzazione mondiale della sanità. Ai risultati degli “studi finanziati dalle aziende produttrici di telefoni cellulari – si legge nella sentenza – non può essere attribuita particolare attendibilità in considerazione della posizione di conflitto d’interessi degli autori”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

De Zuanne Volpiano

VOLPIANO. Coronavirus, morto un uomo di 65 anni. Contagiati anche nelle case di riposo

Lutto a Volpiano per il Coronavirus. Nella giornata di oggi è morto un uomo di …

Alberto Cirio

CORONAVIRUS. Allo studio nuove misure di contenimento in Piemonte

Alle 12.30 il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ha  avuto la conferma della sua …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *