Home / Piemonte / TORINO. Cala lo smog. Revocate da domani le misure emergenziali
SMOG

TORINO. Cala lo smog. Revocate da domani le misure emergenziali

Vento fino a 136 kmh questa mattina sulle montagne del Piemonte. La raffica più forte finora è stata registrata nella stazione Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) sul Monte Fraiteve, sopra Sestriere. Il foehn ha soffiato a 121 km orari al Colle Barant (Torino), in valle Pellice. Raffiche forti anche a Torino: tra la notte e il mattino oltre i 65 kmh. Il termometro è salito rapidamente: alle 9 del mattino misurati 15.5 gradi a Cumiana (Torino), 14.9 nel parco Vallere, al confine tra Torino e Moncalieri.
Il vento dovrebbe attenuarsi nel pomeriggio e – secondo le previsioni – la settimana proseguirà all’insegna del tempo stabile e soleggiato. A patirne saranno soprattutto le montagne, in particolare le località sciistiche. Oggi qualche debole nevicata solo sulle creste di confine. Ma il vento potrebbe se non altro attenuare i blocchi del traffico.

MISURE ANTI SMOG

Il forte vento che spazza Torino riporta le micropolveri sotto la soglia di allerta. Terminano quindi le misure anti-smog d’emergenza e, da domani, si torna alle sole misure a carattere permanente. Possono circolare dunque auto e furgoni diesel Euro 4 ed Euro 5 e benzina Euro 1.
Il blocco riguarderà gli Euro 0 di qualsiasi tipo – 0-24, sette giorni su sette – e i diesel Euro 1, 2 e 3 dalle ore 8 alle 19 – dalle ore 8.30 alle ore 14 e dalle ore 16 alle ore 19 per i veicoli commerciali e per quelli per il trasporto persone ad otto posti – dal lunedì al venerdì.
Il prossimo controllo è previsto per giovedì 17 gennaio.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORINO. La città scende in piazza per le olimpiadi, ma Appendino non ha rimpianti

Di fare la “stampella” a Milano, non ne aveva nessuna intenzione. Ed anche ora che …

TORINO. Scontro Salvini-Di Maio per il via libera ai bandi per i lavori della Tav

Via libera ai bandi per i lavori, in Italia, della Torino-Lione. All’indomani dell’ultimatum al governo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *