Home / Piemonte / Alessandria / TORINO. Balocco: “Traffico sempre più critico nell’Alessandrino
Balocco
l'assessore regionale Balocco

TORINO. Balocco: “Traffico sempre più critico nell’Alessandrino

L’assessore ai Trasporti del Piemonte, Francesco Balocco, chiede l’intervento del Governo per finanziare gli interventi necessari a gestire l’appesantimento di traffico che si è creato nell’alessandrino dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova, con le relative deviazioni del traffico.
“I problemi alla circolazione soprattutto pesante, causati dal crollo del ponte – dice Balocco – stanno facendo emergere ulteriori criticità, soprattutto in provincia di Alessandria, legate alla scelta dei mezzi di usare la viabilità ordinaria in alternativa a quella autostradale”.
Il tema è stato affrontato oggi in una riunione a Genova con Balocco, il presidente della Provincia di Alessandria Gianfranco Baldi, e alcuni esponenti dell’assessorato alle Infrastrutture della Regione Liguria. Balocco aveva già sollevato il problema nella lettera di accompagnamento all’invio della documentazione relativa alla verifica sullo stato delle infrastrutture piemontesi, indirizzata al Ministro Toninelli.
Per una questione di pedaggi, numerosi mezzi pesanti diretti a Genova dall’alessandrino scelgono di non entrare da Alessandria Sud ma di arrivare fino a Ovada, con “un aggravio di costi a carico della Provincia di Alessandria, un aumento del traffico e dell’inquinamento, e problemi di sicurezza stradale”.
Per concordare gli interventi sarà chiesta la convocazione di un tavolo che coinvolga le due Regioni, la Provincia di Alessandria, il Mit, Anas e Autostrade.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

VERCELLI. Ustionata nell’auto data alle fiamme dall’ex, donna migliora

Migliorano le condizioni della donna data alle fiamme nella sua auto, lo scorso 4 febbraio …

canadair

NOVARA. Incendi: fiamme tra Novara e Verbania, bruciano montagne

Un vasto incendio sta bruciando i monti a cavallo tra le province di Novara e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *