Home / Piemonte / TORINO. Aggressione tra militanti Casapound Torino, chiuse le indagini
Procura

TORINO. Aggressione tra militanti Casapound Torino, chiuse le indagini

La Procura di Torino ha chiuso le indagini sull’aggressione a un simpatizzante di CasaPound da parte di sei militanti del partito, avvenuta lo scorso 5 aprile nel capoluogo piemontese. L’accusa è di lesioni aggravate in concorso.
La vittima, 46 anni, era stata percossa con mazze e pugni davanti all’Asso di bastoni, sede del movimento di estrema destra. L’episodio era avvenuto in seguito a un diverbio tra l’uomo e il leader torinese di Casapound, Matteo Rossino (anche lui tra gli indagati), in occasione di un presidio in piazza Galimberti.
Durante le indagini, la Digos aveva sequestrato, a casa dei militanti e nella sede di via Cellini, un tirapugni con lama, un manganello, un coltello, una torcia allungabile, 14 mazze di legno, due tubi di ferro e uno di plastica rigida, due bastoni di carta pressata, due Jammer per rilevare le microspie, due bandiere con il fascio littorio e l’aquila della Repubblica Sociale Italiana.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

TORINO. Blitz della Gdf al liceo Gioberti, identificati i prof

L’assenza di un prof a scuola non sfugge di certo: chi non ricorda il chiasso …

TORINO. Verbali Appendino, ex portavoce voleva ‘vuotare sacco’

Di essere minacciata, Chiara Appendino non se n’era mai accorta. La sindaca di Torino, ascoltata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *