Home / Attualità / TORINO. Accertamenti Nas su Sufosbuvir acquistato all’estero per curare l’epatite C
epatite c
epatite c

TORINO. Accertamenti Nas su Sufosbuvir acquistato all’estero per curare l’epatite C

I carabinieri del Nas di Torino stanno effettuando approfondimenti sui casi di alcuni ammalati di epatite C che si sarebbero procurati all’estero il Sofosbuvir, il super-farmaco che impedisce, in alcuni casi, la replicazione del virus e dà speranza di guarigione, tuttavia non ancora dimostrata scientificamente nel lungo periodo.

Il caso – anticipato sulle pagine locali di Repubblica – di una donna ammalata che ha acquistato il farmaco per se stessa e per la figlia, spendendo 135mila euro, è al vaglio dei militari dell’Arma. La donna ha detto di voler essere rimborsata dalla Regione Piemonte.

Nelle scorse settimane la procura di Torino ha aperto un’inchiesta sui costi del Sofosbuvir. Le ipotesi di reato formulate dal pm Raffaele Guariniello, a carico di ignoti, sono omicidio colposo e omissione di cure. Nel corso delle indagini era emerso che in alcuni Paesi il farmaco costa molto meno che in Italia

Commenti

Blogger: Liborio La Mattina

Liborio La Mattina
Nun Te Reggae Più

Leggi anche

vaccino

Dal 26 ottobre in Piemonte la campagna di vaccinazione contro l’influenza

Lunedì 26 ottobre parte in Piemonte la campagna di vaccinazione per l’influenza. In base alle indicazioni …

Un nuovo portale per i servizi sanitari piemontesi

Un unico indirizzo on line, facile, veloce e sicuro, per utilizzare i servizi digitali della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *