Home / Sport / TENNIS. Vinci e Schiavone subito eliminate a Melbourne
Francesca Schiavone

TENNIS. Vinci e Schiavone subito eliminate a Melbourne

Finisce subito l’avventura di Roberta Vinci agli Australian Open femminili, primo Slam del 2017, in corso sui campi in cemento di Melbourne Park nella metropoli australiana. La 33enne tarantina, numero 19 del ranking mondiale e 15esima testa di serie, che a Melbourne non è mai andata oltre il terzo turno (raggiunto in quattro occasioni: 2006, 2010, 2013 e 2016), ha ceduto all’esordio per 61 76 (3) in un’ora e 37 minuti alla statunitense CoCo Vandeweghe, numero 35 del ranking mondiale, a suo agio sulle superfici rapide, che agli Australian Open vanta anche lei un terzo turno raggiunto due anni fa. La 25enne newyorkese aveva vinto due delle tre sfide precedenti contro la pugliese, e le ultime tre consecutive. Anche questa volta la potenza devastante della tennista americana, ha avuto la meglio. Nel primo set, durato appena 24 minuti, non c’è stata partita: troppo alta la velocità della pallina della Vandeweghe, che a tratti sembrava la proiezione in campo della miglior Serena Williams. A colpi di vincenti la corpulenta americana ha infilato sette game consecutivi dopo il primo gioco vinto dall’azzurra portandosi sul 61 1-0. Poi, improvvisamente, il match è diventata equilibrato. Sul 3-2 per la Vinci la Vandeweghe ha commesso due doppi falli consegnando il break alla rivale. Sul 4-2 40-40 c’è stata una lunga interruzione (una decina di minuti). Dopo un lob vincente della tarantina, la statunitense si è accasciata al suolo: un malore dovuto ad un colpo di calore (oggi a Melbourne il termometro ha superato i 30 gradi). E’ intervenuto il medico e la sfida è ripresa con la Vandeweghe che ha recuperato il break di svantaggio. Decisivo il tie break in cui la Vinci è stata anche un po’ sfortunata: sul 2-1 in suo favore un’accelerazione di diritto dell’avversaria, chiamata out, ha toccato appena la riga come certificato dall’occhio di falco. Sarebbe stato il punto del 3-1 che avrebbe potuto allungare la partita al terzo set. Invece Roberta si è disunita, ha servito con scarsa efficacia e la Vandeweghe ha fatto suo il tie brek con il punteggio di 7-3 chiudendo il match.
Eliminata anche Francesca Schiavone, alla sua 65esima partecipazione ad un Major- La 36enne milanese, numero 100 Wta, ha ceduto con il punteggio di 62 64 in un’ora e 14 minuti alla statunitense Julia Boserup, 25enne californiana di Santa Monica, numero 119 del ranking mondiale, passata attraverso le qualificazioni. Francesca era alla sua sedicesima partecipazione a Melbourne, dove vanta i quarti nel 2011 ma anche gli ottavi nel 2006 e nel 2010.
In tabellone ci sono altre tre azzurre. Sorteggio “tosto” per Camila Giorgi, numero 74 Wta (per lei un terzo turno raggiunto nel 2015): la 25enne di Macerata, debutta contro la svizzera Timea Bacsinszky, numero 15 del ranking mondiale e dodicesima testa di serie (anche per lei la miglior performance a Melbourne è un terzo turno datato 2015). La 27enne di Losanna si è imposta in tre set nell’unico precedente, disputato al primo turno di Pechino 2015.
E’ andata meglio a Sara Errani, numero 53 Wta, che nello Slam Down Under ha raggiunto i quarti nel 2012 quando fu stoppata da Petra Kvitova: la 29enne romagnola ha “pescato” la giapponese Risa Ozaki, numero 93 del ranking mondiale, 22 anni, alla sua prima partecipazione al tabellone principale di un Major. Tra le due non ci sono precedenti. Resta da vedere se la 29enne romagnola avrà recuperato al meglio dall’infortunio alla coscia sinistra che qualche giorno fa l’ha costretta a dare forfait ad Hobart.
Non malvagio nemmeno il sorteggio di Karin Knapp, numero 144 Wta (in tabellone grazie al ranking protetto), mai oltre il secondo turno a Melbourne (2009 e 2014): l’altoatesina deve vedersela con la cinese di Taipei Su-Wei Hsieh, numero 91 Wta, che agli Aus Open ha raggiunto gli ottavi ma nel lontano 2008. La 31enne di Kaohsiung ha vinto in tre set l’unico precedente, giocato lo scorso anno al primo turno di Istanbul.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

La soddisfazione di Edoardo Savio del Team Bussolino Sport

MOUNTAIN BIKE. Edoardo Savio chiude quinto al Campionato Italiano XCO

Grande giornata ricca di emozioni per Edoardo Savio e i ragazzi del Team Bussolino Sport, …

Angry Wheels MTB alla Gran Paradiso Bike

MOUNTAIN BIKE. Tanti impegni per l’Angry Wheels MTB Trino

Tra la fine del mese di agosto e la prima metà di settembre l’Angry Wheels …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *