Home / Dai Comuni / SUSA. Tav: ‘pasionaria’ No Tav, giuste istanze criminalizzate
NICOLETTA DOSIO

SUSA. Tav: ‘pasionaria’ No Tav, giuste istanze criminalizzate

“La repressione è segno della loro debolezza e della nostra forza”. A dirlo è Nicoletta Dosio, 73 anni, la ‘pasionaria’ del movimento No Tav della Valle di Susa che negli scorsi mesi è stata raggiunta da un ordine di carcerazione per una dimostrazione del 2012 al casello di Avigliana (Torino) dell’autostrada del Frejus. La Dosio partecipa oggi alla tradizionale marcia contro la linea ad alta velocità Torino-Lione che da Susa raggiungerà Venaus: un’iniziativa che si ripete per ricordare l’8 dicembre 2005, quando i manifestanti si scontrarono con le forze dell’ordine per liberare i terreni confiscati per la Tav. “Sono anni che, sulla falsariga del tribunale alla Caselli, alla Rinaudo e alle Padalino (i magistrati che si sono occupati delle inchieste, ndr), vengono criminalizzate le giuste istanze di persone che diffondono il diritto alla nuda esistenza – aggiunge – La vera forza sta nel popolo che lotta. Noi non siamo soli, abbiamo saputo coinvolgere altre realtà. E per ognuno di noi questo è motivo di orgoglio”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

RIVAROLO. Fusione dei Comuni, Rostagno accetta la sfida di Bertot

Sfida accettata (ma con riserva…). Alberto Rostagno, sindaco di Rivarolo Canavese, prende la palla al …

VIÙ. Majrano vola a Roma per Viù tra i 100 Ambasciatori Nazionali

Il Comune di Viù è tra i 100 Ambasciatori Nazionali. Il riconoscimento è stato ritirato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *