Home / In provincia di Torino / STRAMBINO. Fiamme nel fienile di Cordera: “Poteva davvero andare peggio”

STRAMBINO. Fiamme nel fienile di Cordera: “Poteva davvero andare peggio”

Solo un grosso spavento. Poteva andare sicuramente molto peggio”. A pochi giorni di distanza dall’incendio scoppiato nel fienile dell’azienda agricola del consigliere comunale Fabio Cordera, ancora del fumo si leva dalle rotoballe che hannno preso fuoco.

L’allarme è scattato intorno alle 23,30 di lunedì scorso 17 giugno. “Ad accorgersene è stato un ragazzo che lavora  nell’area industriale – racconta Cordera – sono subito intervenuti i soccorsi. Io ero a Torino per una riunione della Coldiretti. In azienda è corsa mia moglie”.

All’interno dell’azienda agricola stavano bruciando alcune rotoballe: “Nel male è andata bene – commenta il consigliere comunale della Lega -. Il rischio che il fieno fermenti prendendo fuoco, c’è. Per questo la struttura è lontana dalle case e dal resto dell’azienda agricola”.

L’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Rivarolo Canavese, ha fatto in modo che le fiamme venissero contenute. Hanno lavorato tre ore per domare l’incendio. Salvi anche tutti gli animali. Proprio lì accanto, infatti, c’è la stalla con una decina di mucche e un cavallo rimasti, fortunatamente, tutti illesi. “Anche la struttura si è salvata. Le fiamme non sono riuscita ad attaccarla. Ripeto: è andata davvero bene”.

Ad aver preso fuoco sono state le 15 rotoballe presenti all’interno dell’azienda agricola. Circa 60 quintali di fieno in tutto.

Commenti

Blogger: Maria Di Poppa

Maria Di Poppa
Letteralmente

Leggi anche

IVREA. Dalla Ico-Valley alla Cape Canaveral Valley, una super cazzola tira l’altra….

L’idea è questa. Una stazione missilistica per trasformare il Canavese nel centro mondiale dell’esplorazione spaziale …

IVREA. L’Ordine chiuderà la porta al Generale Ceratti?

Ordine della Mugnaia off-limit per il generale Vincenzo Ceratti. La scorsa settimana l’assemblea degli iscritti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *