Home / Attualità / Stamina: cure compassionevoli in agenda Commissione Sanità
Metodo stamina
Metodo stamina

Stamina: cure compassionevoli in agenda Commissione Sanità

La questione delle cosiddette ‘cure compassionevoli’ sarà affrontata dalla commissione Sanità del Senato. A sottolinearlo è la presidente della commissione, Emilia De Biasi: ”E’ un argomento – ha spiegato – di cui ci occuperemo nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale (Ssn)”. Proprio la definizione di ‘cure compassionevoli’ ha alimentato il dibattito in relazione alla vicenda legata al metodo Stamina di Davide Vannoni che, secondo alcuni, dovrebbe appunto rientrare in tale categoria. Le opinioni in proposito, tuttavia, divergono: ”Non credo – ha affermato il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, uno dei relatori dell’indagine conoscitiva sul caso Stamina avviata dalla stessa commissione Sanità, insieme alla senatrice Elena Cattaneo – che si preveda che Stamina rientri nell’ambito delle cure compassionevoli”. Ad ogni modo, ha sottolineato, ”le norme su questa tipologie di cure vanno rese più chiare. E’ infatti palese, in modo incontrovertibile, l’inadeguatezza delle norme ed un vulnus legislativo, e la conferma arriva dal fatto che si ha bisogno delle sentenze per arrivare ad un’applicazione”. Il punto, ha rilevato Lettieri, ”è che dobbiamo evitare di gravare sulla magistratura facendo decidere ad essa in merito a questioni che il legislatore non ha definito adeguatamente. Se la norma è lacunosa, infatti, interviene il magistrato”. Va comunque chiarito, ha affermato De Biasi, che ”qualunque cura compassionevole non può tuttavia mai essere dannosa.

Pensare che un soggetto che sia in fin di vita possa essere sottoposto a qualunque cosa è una mistificazione, perché il Ssn ha delle regole ben precise. Una cura compassionevole non può dunque essere dannosa per il paziente, altrimenti sarebbe una forma di eutanasia”. In commissione, ha concluso la presidente, ”daremo dunque anche una valutazione in merito alle procedure per certificare appunto la dannosità di un farmaco o un trattamento”.

Commenti

Blogger: Fabio Mina

Avatar

Leggi anche

Sexyshop stralciati dagli aiuti pubblici: non siamo negozi di serie B

Categoria criticata, misconosciuta, ignorata, relegata nelle strade di periferia e spesso costretta ad oscurare le …

CORONAVIRUS

CORONAVIRUS. Sono 119 i morti nelle ultime 24 ore, in totale 32.735

Sono 119 i morti per coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia. In totale i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *