Home / Sport / Altri Sport / SPORT. Progetto “Sport di Tutti – Edizione Young”: un modello d’intervento sportivo e sociale

SPORT. Progetto “Sport di Tutti – Edizione Young”: un modello d’intervento sportivo e sociale

Un modello d’intervento sportivo e sociale, che mira ad abbattere le barriere economiche e declina concretamente il principio del diritto allo sport per tutti, fornendo un servizio alla comunità. Ma anche un’iniziativa che si pone l’obiettivo di promuovere, attraverso la pratica sportiva, stili di vita sani tra tutte le fasce della popolazione, al fine di migliorare le condizioni di salute e benessere degli individui. Tutto questo è il progetto Sport di Tutti – Edizione Young, promosso dal Ministero per le Politiche Giovanili e lo Sport, e realizzato dalla società Sport e Salute in collaborazione con le Federazioni Sportive Nazionali, le Disciplina Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva tra cui non poteva ovviamente mancare il Comitato Territoriale UISP Ciriè Settimo Chivasso. Al termine del mese scorso si è conclusa con successo la fase di raccolta delle adesioni all’iniziava, che ha visto l’iscrizione di più 43.500 bambini e ragazzi di età compresa tra i 5 e i 18 anni, che a partire dal mese di febbraio fino alla fine di giugno avranno la possibilità di svolgere gratuitamente attività sportiva per due volte alla settimana nelle oltre 2.700 società sportive accreditate su tutto il territorio nazionale. “Questa però è solo la prima parte del progetto” spiega la Responsabile delle Politiche Educative del Comitato Ciriè Settimo Chivasso Fabrizia Lovarini. “Dopo l’edizione Young, verrà infatti avviata la seconda fase del programma Sport di Tutti dedicato agli Over 64. Anche in questo caso è previsto un nuovo Avviso Pubblico, al quale il nostro Comitato parteciperà attivamente, sia aiutando le sue associazioni affiliate a rispondere al bando, sia pubblicizzando l’iniziativa attraverso i propri canali social”.

Tra le società che hanno aderito a questa pregevole iniziativa, anche l’US Borgonuovo Settimo, che a partire da questa settimana offrirà a un gruppo di giovani tra i 15 e i 17 anni attività di Calcio a 5.

Nel weekend appena concluso, inoltre, il Borgonuovo ha partecipato alle finali di Coppa Carnevale, manifestazione di Calcio a 5 Giovanile promossa dalla Struttura di Attività Calcio del Comitato UISP Ciriè Settimo Chivasso, le cui sfide conclusive si sono svolte presso il Palazzetto dello Sport di Castellamonte. La squadra padrona di casa, che porta lo stesso nome del comune dell’area metropolitana, ha trionfato in ben 3 categorie: Primi Calci, Pulcini e Under 20. Per quanto riguarda categoria Esordienti a conquistare la vittoria è stata la squadra dell’Atletico Taurinense, mentre nella categoria Giovanissimi ha invece prevalso la formazione del Sant’Anna. Nella categoria Allievi si è invece imposta proprio la squadra del Borgonuovo Settimo. Le formazioni vincenti della Coppa Carnevale accedono di diritto alle finali di Coppa Piemonte UISP, che si svolgeranno il 14 giugno: in tale occasione sfideranno le prime classificate del campionato in corso nelle diverse categorie precedentemente citate. Una bella giornata di sport e di divertimento che ha anche visto la partecipazione di un graditissimo ospite d’eccezione: stiamo parlando del conduttore televisivo e radiofonico Fabio De Nunzio, che ha già collaborato con il Comitato Territoriale UISP Ciriè Settimo Chivasso per sensibilizzare sul tema del bullismo e delle discriminazioni. Estremamente  soddisfatto della giornata, ma più in generale dell’andamento della Coppa Carnevale, il presidente del Comitato e Responsabile del Settore Giovanile Ferruccio Valzano.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. “Le bambine di Terezin” del Faber Teater va in onda sul web oggi

In oltre 170 repliche, l’attrice Paola Bordignon, interprete dello spettacolo “Le bambine di Terezin” di …

CHIVASSO. Il Covid rallenta le attività degli Alpini, ma non lo spirito

Riceviamo e pubblichiamo, in occasione della ricorrenza dell’assemblea annuale degli Alpini di Castelrosso, che non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *