Home / In provincia di Torino / SPARONE. Sportello Asl del comune
Progetto dell'asl vercelli
asl

SPARONE. Sportello Asl del comune

Anche  per gli sparonesi diventa possibile effettuare la prenotazione di visite ed esami medici e ritirare i relativi referti recandosi in Comune anziché agli sportelli dell’ASL. Lo stabilisce il Protocollo d’Intesa firmato dal sindaco Anna Bonino e dalla direttrice del Distretto di Cuorgnè dell’ASL TO 4 Lavinia Mortone.

Questa forma decentrata di prenotazione e ritiro era stata a suo tempo già attivata grazie alla Comunità Montana Valli Orco  e Soana, ora disciolta. L’evoluzione dei sistemi informatici rende possibile realizzare tale servizio direttamente presso il comune di residenza, con evidente vantaggio per gli abitanti dei comuni montani e soprattutto delle persone anziane. Non sarà attivo tutti i giorni ma solo per un’ora la settimana: per svolgerlo occorre infatti  “il supporto – almeno nella fase iniziale – di un tecnico qualificato già esperto di tale servizio” oltre all’acquisto di “una particolare tipologia di stampante con carta speciale”.

Il Comune si è pertanto rivolto alla Cooperativa Sociale G.T. di Torino, che ha esperienza specifica nel settore e che invierà un proprio tecnico a Sparone il giovedì, giorno individuato  dall’amministrazione come “il più adatto, anche in relazione ad altri servizi sanitari presenti sul territorio comunale (medico di base e dispensario)”.

Quanto costerà al Comune di Sparone offrire quest’opportunità ai propri cittadini? Alla cooperativa (un’ora di presenza alla settimana per 48 settimane) verranno corrisposti 1.155 euro l’anno: 385 dal Bilancio 2017, 770 euro da quello Pluriennale del 2018. La stampante ha invece un costo di 129 euro + IVA per un totale di Euro 157,38.

Coloro che se la cavano bene con la tecnologia potrebbero ritenere che questo nuovo servizio sia superfluo  dal momento che dal 2014 è possibile prenotare direttamente le visite, da casa propria ed a qualsiasi ora, e ricevere in tempi molto rapidi l’esito degli esami. Farlo implica però possedere un computer, avere un collegamento Internet e sapersi muovere nel mondo digitale: va da sé che una larga fascia delle  popolazione resta tagliata fuori. Recarsi in Comune invece che allo sportello di Cuorgnè è invece un bel vantaggio per chi ha difficoltà di spostamento.

Il protocollo

Il Protocollo d’Intesa fra Comune di Sparone ed ASL per attivare il Servizio di Sportello Sovracup (questa la definizione  in burocratese per le prenotazioni on-line delle visite mediche) sarà valido fino al 30 settembre 2018 e sarà rinnovabile, salvo disdetta anticipata notificata da una delle due parti con preavviso di 30 giorni e senza obbligo di motivazione. Prevede che il Comune, servendosi del programma regionale SOVRACUP, collegato alla rete RUPAR-Piemonte, organizzi “l’apertura del servizio secondo le modalità che ritiene più opportune e confacenti alla propria organizzazione, senza ricevere rimborsi da parte dell’ASL”.  Quest’ultima  s’impegna tuttavia “ad iniziare la formazione iniziale e continua degli operatori comunali dedicati all’attività ed a fornire assistenza tecnica in merito alle prenotazioni”. Il Comune nomina un Responsabile del Progetto e l’ASL un Referente.

La delibera di giunta con la quale si era decisa l’attivazione di questo servizio risale allo scorso 13 luglio ma sono stati necessari tutta una serie di adempimenti burocratici: oltre alla sottoscrizione del protocollo, la giunta ha dovuto approvare in una successiva riunione (quella del 24 agosto) il prelevamento dal Fondo di Riserva della somma necessaria per pagare la cooperativa GT. Solo a quel punto la Responsabile del Servizio dell’Area Finanziaria-amministrativa ha potuto emanare la determina di affidamento del servizio alla stessa GT (lo ha fatto in data 6 settembre) mentre con un’altra determina  aveva in precedenza  stabilito l’acquisto della stampante.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

SETTIMO TORINESE. Entrano in azione i vigili assegnati ai quartieri

È  entrata in vigore ieri la “riforma” della polizia municipale. D’ora in poi, ogni quartiere avrà …

Strisce blu

SETTIMO TORINESE. Stop alla tolleranza per le auto in sosta “blu”: ora si multa

Per i primi giorni niente multe ma dalla prossima settimana i settimesi dovranno necessariamente pagare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *