Home / BLOG / SoftAir: soltanto “giochi” di guerra?
da Wikipedia: alcuni partecipanti ad una tornata di softair

SoftAir: soltanto “giochi” di guerra?

Farà certo discutere, in paese e non solo, la decisione di concedere l’utilizzo dei terreni adiacenti la cascina del Piano per la pratica del Soft-Air, attività ludico-ricreativa di squadra basata sulla simulazione di tattiche militari. Nel gergo i cosiddetti “giochi di guerra”. In data 28 agosto la Giunta Comunale ha infatti accolto la proposta presentata dall’Associazione Sportiva Dilettantistica “White Tiger Time Ivrea” (alla seduta erano presenti il Sindaco Giovanni Levrio, il Vice Lorenzo Ponsetto, l’Assessore Massimo Vercella, assenti Andrea Ponsetto e Costantino Soudaz).

L’Associazione, che ha sede a Mercenasco, in frazione Villate, aveva presentato la domanda a luglio, attestando la non pericolosità delle attività ed esonerando il Comune da ogni problematica, dal momento dell’autorizzazione, facendo presente che il softair si distingue dalle altre attività basate sulla simulazione di azioni belliche per l’utilizzo delle “Air Soft” (dall’inglese “arma ad aria compressa”) da cui appunto prende il nome. È caratterizzato da una grande varietà di giochi diversi che spaziano da un approccio meramente ludico ad uno di tipo sportivo fino ad un approccio strettamente strategico-simulativo bellico, comprendendo varie sfumature. Vengono organizzate esercitazioni militari e paramilitari nell’ambito del team building, ossia di formazione di gruppo, del problem solving, con cui si intende la capacità di affrontare situazioni potenzialmente pericolose o anche di formazione aziendale.

L’atività si inserirebbe quindi perfettamente nel progetto più ampio dell’Amministrazione Comunale volto alla riqualificazione della Cascina del Piano, zona di proprietà comunale che, partendo da Villate e salendo sulle colline verso il capoluogo, sorge ai margini di un pianoro attorniato da boschi di castagni e querce da cui si gode un’ottima vista delle morene glaciali e della sottostante pianura. L’idea è di farne un polo di attrazione per il tempo libero.

Contro il soft-Air vengono tuttavia mosse severe critiche da parte, in primo luogo, degli ambientalisti, che ne denunciando aspetti di violenza gratuita e di impatto deleterio sull’ambiente e sulla fauna. Solo lo scorso maggio si erano levate dure proteste in Valchiusella.

 

 

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. Sertoli batte Ballurio: licenziamento giusto… Il Ministero dell’interno gli dà ragione, ma…

S’era rivolta al Capo dello Stato Sergio Mattarella per l’annullamento del provvedimento del 3 marzo …

La macelleria Bertinetto di Rivarolo Canavese

RIVAROLO. Così il virus ha stravolto le vite dei negozianti. Il racconto di Paola della macelleria Bertinetto

Paola De Iudicibus, 51 anni,  lavora da 15 anni col marito Ivo, 52 anni, titolare …

Un commento

  1. Avatar

    “Contro il soft-Air vengono tuttavia mosse severe critiche da parte, in primo luogo, degli ambientalisti, che ne denunciando aspetti di violenza gratuita e di impatto deleterio sull’ambiente e sulla fauna. Solo lo scorso maggio si erano levate dure proteste in Valchiusella.”
    Purtroppo ancora oggi qualcuno continua a sostenere ciò che ho virgolettato.
    Non c’è alcuna violenza in questo sport, chi lo conosce sa bene che è così, tanto per fare un esempio, è VIETATO il contatto fisico; non è più violento del gioco del Golf.
    In secondo luogo, vengono utilizzati pallini composti da materiale completamente BIODEGRADABILE, questo indica un impatto ambientale pari a zero. Per quanto riguarda la fauna, non credo che possiamo spaventare un qualsiasi animale più di chiunque entri in un bosco per farsi una passeggiata.
    Purtroppo è un luogo comune additare ciò che non si conosce e questo è sconfortante.

    Ivan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *