Home / Torino e Provincia / Chivasso / Sindaco e primario? Il Pdl: “La sostanza così non cambia: continuerà a trascurare la città”

Sindaco e primario? Il Pdl: “La sostanza così non cambia: continuerà a trascurare la città”

“Che cosa ce ne facciamo di un sindaco-primario che non può fare il sindaco né in sostanza, né in pratica? Se il dottor Ciuffreda fosse stato costretto a scegliere, avrebbe fatto un grosso regalo alla nostra città. Qualsiasi cosa avesse deciso di fare. Invece continueremo con un’amministrazione priva di progettualità, fautrice dell’aria fritta e capace solo di riempirsi la bocca di legalità, salvo poi sopravvivere grazie ad un artifizio secondo il quale la regola vale, ma solo da un certo punto in poi… Roba da tesi all’Università della Legalità!”.

Così i consiglieri comunali dei gruppi Pdl e “Per Chivasso Pasteris Sindaco” commentano quello che sotto i portici chiamano già il “decreto-salva Ciuffreda”. Una mazzata per il futuro di Chivasso il fatto che Ciuffreda possa continuare ad esercitare entrambi i ruoli, quello di sindaco e quello di primario alle Molinette a Torino. “L’emendamento inserito nel Decreto del Fare – inforcano Pasteris, Scoppettone e compagnia – non abolisce l’incompatibilità tra l’incarico di sindaco e quello di primario dell’ASL. Ovvero, la legge che stabilisce l’incompatibilità tra alcuni ruoli per motivi di trasparenza e di possibili conflitti di interesse resta valida. Dunque, secondo la legge italiana, nessuno può essere contemporaneamente sindaco e primario dell’ASL. Nemmeno il dottor Ciuffreda. Nemmeno se rinuncia al suo stipendio da sindaco. Il CIVIT glielo ha detto in modo chiaro ed inequivocabile. Oggi, grazie ad una piccola ‘furberia’ del Governo, il dottor Ciuffreda è ancora sindaco di Chivasso solo perché si è stabilito che la regola non è retroattiva, ovvero vale solo dal 4 maggio 2013 in poi. Da un punto di vista legislativo i motivi di incompatibilità permangono dunque tutti”.

“L’incompatibilità prevista dalla legge vigente pone poi in evidenza una criticità che noi abbiamo sostenuto in campagna elettorale, ovvero la necessità di avere un sindaco a tempo pieno – continuano i consiglieri di opposizione -. Al di là di ogni principio, infatti, è evidente a chiunque che un primario, per poter svolgere al meglio il proprio lavoro, per il quale, tra l’altro, è retribuito da soldi pubblici, non può pensare di farlo part-time. Ed allo stesso tempo nessun cittadino può immaginare di fare il Sindaco nei ritagli di tempo che un lavoro impegnativo e di responsabilità come quello di primario gli concede. Nel merito dunque i motivi di incompatibilità continuano ad essere assolutamente evidenti. La dimostrazione concreta di tale principio sta nell’anno inconcludente appena trascorso dell’amministrazione guidata dal sindaco/primario Ciuffreda. Un’amministrazione assolutamente immobile e priva di progetti e risultati concreti, proprio a causa della impossibilità del sindaco/primario di dedicarsi, come sarebbe indispensabile, a tempo pieno ai tanti problemi della città. Nella pratica dunque i motivi di incompatibilità sono dimostrati in modo assolutamente evidente…”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Francesco Bagnaia in Ducati

MOTOCICLISMO. Pecco Bagnaia affiancherà Jack Miller nel Ducati Team per la stagione 2021

Ducati Corse ha il piacere di annunciare che sarà Francesco Bagnaia a difendere i colori …

CHIVASSO. M5S: “Fate pulire la linea Chivasso-Asti da chi percepisce il reddito di cittadinanza”

La proposta di plastificazione della stazione ferroviaria Chivasso-Asti, da utilizzare temporaneamente come pista ciclabile, è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *