Home / Dai Comuni / SETTIMO VITTONE. Domenico Gabriele chiede un atto di coraggio

SETTIMO VITTONE. Domenico Gabriele chiede un atto di coraggio

Il consigliere di minoranza Domenico Gabriele chiede alla maggioranza un “atto di coraggio”. Nell’ultima seduta consiliare è intervenuto di fronte ad un piano triennale dei lavori piuttosto scarno. “Capisco – ha esordito – che le risorse siano limitate e difficili da trovare. Ma mi piacerebbe che venissero inseriti in questo piano i punti che voi vorreste realizzare. Non deve diventare un libro dei sogni ma è il documento giusto su cui segnare gli obiettivi, per dare una direzione, sapere dove vogliamo andare”.

Gabriele chiede, insomma, più spirito di iniziativa e più intraprendenza, rispetto ad una mandato precedente che è stato più che altro caratterizzato dalla mera prosecuzione degli interventi avviati dalla precedente amministrazione (quella in cui il consigliere di minoranza era, non a caso, Assessore ai lavori pubblici, era stato lui ad aprire la strada di grossi interventi quali la realizzazione del nuovo Municipio o il rilancio dell’area La Turna a Montestrutto).

Contrariato il Sindaco Sabrina Noro: “il nostro programma non è spoglio ma ci sono interventi che riguardano la messa a norma del territorio, per raggiungere maggiore vivibilità, c’è molta ambizione”. Gabriele, però, non è a corto di esempi. “I punti inseriti sono sacrosanti ma la messa in sicurezza della ex statale 26 – ha chiesto -, perché non la inseriamo? Segnaliamo che è una nostra priorità, poi si andranno a cercare i finanziamenti”.

Per il momento, in materia di viabilità, l’Amministrazione Noro ha invece inserito nella programmazione la realizzazione, che avverrà a breve, di due attraversamenti pedonali nel capoluogo ed in frazione Montestrutto, che andranno ad assommarsi ai marciapiedi e alle strisce già ricavate e peraltro anche adeguatamente illuminate durante la notte per la tutela dei pedoni. Scettico, tuttavia, Costantino Salaris: “quei due attraversamenti non bastano senz’altro, servono interventi per rallentare la velocità in questo tratto in cui ci sono stati dei morti e più d’una volta, oltretutto uno degli attraversamenti verrebbe realizzato in prossimità di una curva, dove si trova la fermata del pullman, sarebbe forse meglio rivedere tutta la collocazione”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Da mercoledì anche a Ivrea “drive in” per i tamponi

Da mercoledì 28 ottobre sarà operativo il nuovo Punto di accesso diretto (senza prenotazione) di …

VOLPIANO. Visite al cimitero a numero chiuso per la ricorrenza dei Defunti

Visite al cimitero a ‘numero chiuso’ nei giorni dedicati alla commemorazione dei defunti. Lo ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *