Home / Dai Comuni / SETTIMO TORINESE. Un morto in autostrada. E’ Fabio Costantino. La disperazione di Noemi Lo Manto

SETTIMO TORINESE. Un morto in autostrada. E’ Fabio Costantino. La disperazione di Noemi Lo Manto

Scende dall’auto dopo un tamponamento ma viene travolto e ucciso da una Polo che sopraggiungeva. È morto così Fabio Costantino di 29 anni di San Germano Vercellese, questa mattina, intorno alle 6, lungo la corsia per Milano della A4. Sul posto il 118, i vigili del fuoco e la polizia stradale di Novara.

Il racconto

Stava andando a lavorare allo stabilimento Amazon a Torrazza Piemonte, l’altra mattina, Noemi Lo Manto, 22 anni, torinese, quando alla guida della Volkswagen Polo Gt ha falciato e ucciso Fabio Costantino, un 29 enne di San Germano Vercellese che stava attraversando la corsia dopo aver provocato un tamponamento avvenuto lungo la corsia per Milano dell’autostrada A4, qualche metro oltre lo svincolo di Settimo Torinese.

Per la ragazza ci vorrà un po’ di tempo per alleviare il dispiacere per aver investito e ucciso un ragazzo. Poche ore dopo l’incidente era ancora sotto choc, seduta in pronto soccorso a Chivasso in attesa di sottoporsi alle visite tremava ancora dallo spavento circondata dall’affetto dei familiari e del fidanzato, che le facevano coraggio.

Mi creda io quel ragazzo non l’ho proprio visto” raccontava. Era appena partita da casa per raggiungere il posto di lavoro, a Torrazza Piemonte, allo stabilimento Amazon. “Era ancora buio. Ho solo avvertito un colpo fortissimo. Ho frenato e quando sono riuscita a fermare l’auto ho notato il parabrezza completamente frantumato. Solo a quel punto ho intuito quel che era successo. Ho preso il telefono dalla borsa e ho chiamato i soccorsi e poi il mio fidanzato” raccontava con la voce rotta dal pianto.

Noemi Lo Manto ora è indagata dalla Procura di Ivrea per omicidio stradale. Un atto dovuto, almeno in attesa di leggere i risultati degli esami alcolemici e tossicologici a cui è stata sottoposta.

Utile alla ricostruzione dell’incidente sarà anche il racconto di Mirko Granata, il 29 enne torinese alla guida dell’Alfa 147 tamponata dalla Fiat 500L di Fabio Costantino. Anche lui, ieri mattina, stava raggiungendo il posto di lavoro in un’azienda a Volpiano. In attesa delle visite in pronto soccorso a Chivasso per i lievi traumi riportati, ha raccontato la dinamica: “Quella Fiat 500 mi è piombata addosso come un proiettile. Mi sono ritrovato in terza corsia con l’auto rivolta in direzione opposta al senso di marcia. Ricordo solo di averlo visto arrivare a piedi verso di me. Poi è sopraggiunta la Polo”.

Secondo una prima ricostruzione della polizia stradale di Novara Est, venerdì, poco prima delle sei, lungo la corsia in direzione Milano, a provocare un tamponamento sarebbe stato Fabio Costantino al volante della Fiat 500L. Ha centrato l’Alfa 147 che lo precedeva facendola carambolare nella terza corsia e rivolta in direzione opposta al senso di marcia. A quel punto Fabio Costantino, forse per sincerarsi della condizioni del conducente, è uscito dall’abitacolo e ha attraversato la carreggiata. Non indossava il giubbino catarifrangente e a quel punto è sopraggiunta la Polo della 22 enne che l’ha travolto. Per Costantino all’arrivo del 118 non c’è stato più nulla da fare.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CIRIÈ. Al via il progetto per l’alloggio solidale femminile

Il primo progetto di “Alloggio solidale”, destinato a soggetti di sesso maschile, nacque a Ciriè  …

Roberto Bonome, consigliere Lega di Rivarolo

RIVAROLO. Sottopasso, Bonome: “Non bisognava aspettare il morto”

Una ferita aperta nel cuore dei canavesani la morte di Guido Zabena, operaio di Favria …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *