Home / BLOG / SETTIMO TORINESE. L’Isis tra di noi
Incendio in carcere. E' avvenuto ieri sera a Torino nella casa circondariale Lorusso e Cutugno, dove un detenuto di origine nigeriana ha appiccato le fiamme
Il carcere delle Vallette a Torino

SETTIMO TORINESE. L’Isis tra di noi

Questo qui faceva sul serio. E noi dobbiamo fare altrettanto. El Madhi Halili è ora un inquilino delle Vallette. Terrorista nato a Ciriè, cresciuto a Lanzo, viveva a Torino. Tra noi. Sicuramente è transitato anche a Settimo, la Questura racconta dei suoi studi sulle armi e su come usarle per far male a qualcuno, forse molti di noi. Teneva sermoni su come colpire l’infedele, scaricava da internet materiale dell’Isis, scriveva pizzini tipo mafia per alfabetizzare i suoi amici sui metodi della Jihaad. Dal momento che da una roba così è difficile difendersi, bisogna mettere un freno prima e, con tutta la tolleranza che possiamo avere per il mondo dell’immigrazione, di fronte a un pericolo tanto serio, non tergiversare.  Cominciando a non farci prendere per il naso dalla famiglia, sedicente per bene, in cui cresce un figlio “strano e un po’ chiuso”. È in famiglia che si trasmettono certi valori, o disvalori, ed è lì che bisogna cercare. Poi, controllando per benino queste benedette scuole islamiche, salvaguardando quelle serie e chiudendo quelle dove in luogo del Corano si predica violenza. Il giovanotto in questione, che al momento dell’arresto si è detto orgoglioso di offrire la sua esistenza ad Allah, non sa che Allah del suo sacrificio non è informato. E allora lo informiamo noi: se lo prenda tranquillamente indietro, il minchione, e lo tenga lontano da qui. Torino non è Kabul, il mercatino di Settimo non è la kasbah di Tripoli. Qualche problema lo abbiamo, ma nelle nostre strade non circolano cannibali. Un brivido corre lungo la schiena al pensiero di ciò che il coglione rivoluzionario avrebbe potuto farci, colpendo noi, i nostri figli, le nostre cose. Ovunque, in coda alle poste, in un supermercato, per strada, al cinema, all’università, in fabbrica.

Sia chiaro: l’onere di qualsiasi gesto è sempre e soltanto soggettivo e mai di un popolo intero, la guerra va circoscritta ai delinquenti, non a tutti i migranti. Ognuno è responsabile per quello che fa. E più è pericoloso, più ci vuole fermezza, e se c’è da rimandarlo indietro, magari in un paese dove la giustizia è più spiccia della nostra, lo si spedisca tranquillamente.

Commenti

Blogger: Marco Volpatto

Marco Volpatto
Nientologo

Leggi anche

CHIVASSO. Ci ha lasciati Ginetta Dondero

CHIVASSO. Ci ha lasciati Ginetta Dondero. Si è spenta, all’età di 80 anni, Maria Teresa …

'Wroom Vroom', il gioco di Tommaso e Alessio Baroni

CHIVASSO. Wroom Vroom: il progetto homemade di un papà e suo figlio

Wroom Vroom: il progetto homemade di un papà e suo figlio. Un perfetto regalo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *