Home / Terza Pagina / Libri / Settimo Torinese: Le poesie di Alberto diventano un libro

Settimo Torinese: Le poesie di Alberto diventano un libro

La poesia nasce dal silenzio interiore, da un bisogno intimo di comunicare un’emozione, un pensiero o un istante pregni di significati. La poesia è uno strumento per veicolare sentimenti non facili da esprimere con il linguaggio comune e che utilizza immagini, allegorie e metafore. La poesia è solitaria ed è proprio per questo che arriva fino al cuore dell’anima.

Il libro di Alberto Ardizzone “More than a poet”, Golem Edizioni, è una raccolta di poesie intime, profonde, che fanno riflettere e, a volte, strappano un malinconico sorriso. É un libro voluto e desiderato da tutte le persone che gli hanno voluto bene e che gli sono state vicine fino agli ultimi istanti della sua vita. Alberto è morto per un difetto cardiaco congenito il 15 marzo 2018. Il 2 giugno avrebbe compiuto 18 anni
. 

Il giorno dopo il funerale, che si è svolto il 17 marzo nella chiesa di San Pietro in Vincoli, il fratello Fabio non ha avuto dubbi: voleva completare e dare concretezza al lavoro artistico che Alberto aveva iniziato. Ha raccolto e selezionato, grazie all’aiuto dei genitori e degli amici, 70 poesie scritte dal fratello che prenderanno vita a inizio giugno, quando il libro uscirà in tutte le librerie.

Alberto era un ragazzo riflessivo e profondo che ha iniziato a scrivere poesie a 15 anni e grazie alle amicizie, soprattutto quella di Irene, la sua migliore amica, e di Lara, la sua vicina di banco, ha cominciato a condividerle scoprendo un mondo fatto di emozioni e sentimenti che possono essere vissuti insieme agli altri.

Alberto sapeva scrivere, grazie anche gli stimoli di due insegnanti, Luciano Intilla e Paolo Ferrero Merlino. Riusciva a evocare sensazioni ed emozioni che tutti proviamo, ma che a volte respingiamo nell’inconscio perché possono far male: “Mi sono arreso. Arrendersi, rendersi conto che, in fin dei conti, la realtà è diversa dalla fantasia”.

Alberto sapeva anche far sorridere con ironia e caparbietà: “They cannot kill what was to be strong”. Lui viaggiava con la mente e con il cuore: “Scarpe passeggiatrici, conducetemi fin dove l’ anima supera le sue paure”.

Alberto sapeva a cosa sarebbe andato incontro e con una lucidità disarmante si è messo davanti alla morte senza sfidarla, ma aprendo uno spiraglio alla bellezza:“Quando non avrai più nulla da Vivere, la poesia ti salverà

“Alberto è un poeta molto intenso” dice Giancarlo Caselli, Golem Edizioni, “quando ho letto il manoscritto sono rimasto affascinato dalla maturità artistica delle poesie. I suoi versi aprono squarci interessanti e profondi sull’animo umano”.

Alberto sarebbe diventato maggiorenne il 2 giugno e anche lui, come tutti i ragazzi di Settimo della sua età, riceverà in sala Consigliare, attraverso le mani del fratello Fabio, la Costituzione Italiana.

I proventi del libro andranno a sostenere l’Associazione Amici Bambini Cardiopatici dell’Ospedale Regina Margherita di Torino.

Io non ho conosciuto Alberto, ma ho letto il suo libro, mi è piaciuto molto, e vorrei salutarlo con una sua poesia dal titolo “Dolci punti”: Sono dolci punti di sutura i baci tuoi sulla voragine del mio petto.

Commenti

Blogger: Marco G. Dibenedetto

Marco G. Dibenedetto
DIBENEINSETTIMO

Leggi anche

SETTIMO. Elena Piastra, i Comuni aspettano ancora i fondi primo bando

“Siamo lieti della posizione del premier Conte che vuole rendere strutturale il fondo periferie. Intanto …

SETTIMO. La “Fera Dij Coj” battezza la Confraternita dei Persi Pien

La Confraternita dei Persipien è la novità della Fera Dij Coj di quest’anno. Il sodalizio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *