Home / Dai Comuni / SETTIMO TORINESE. Gabriel Garko all’Ariston divide anche i settimesi

SETTIMO TORINESE. Gabriel Garko all’Ariston divide anche i settimesi

L’attore settimese Gabriel Garko è stato il personaggio del 66° Festival di Sanremo più preso di mira dai social network. Nonostante abbia ammesso fin dall’inizio che il suo mestiere è fare l’attore (anche se qualcuno mette in dubbio pure quello, ndr) e che sul palcoscenico del teatro Ariston sarebbe stato se stesso, il popolo di Twitter e di Facebook non ha perso nemmeno un’occasione per prendere in giro il sex simbol di casa nostra.

 

Tanti i commenti che impazzano sul web sui suoi zigomi “plastici”, sull’eccessivo utilizzo del botox, sul suono della sua risata, su qualche strafalcione linguistico come “Sono più emozionato di quando ho sceso le scale la prima volta”, sulla sua evidente lettura del gobbo e molto altro.

 

Per non parlare delle gif, le immagini animate create sul web per sfotterlo. Tanto che lui stesso la seconda serata del Festival ha iniziato ad ironizzare da solo su alcuni suoi errori. Alle critiche ha risposto così: “Avevo detto che al Festival sarei stato me stesso. E questo sono io, nei miei impacci e i miei modi di ridere”.

 

E i settimesi, che cosa pensano dell’avventura sanremese di Gabriel Garko?

 

Si sente che non è il suo mestiere ma ha dei margini di miglioramento, con il tempo può fare di più. Devo dire, però, che sono contento che per il primo anno ci sia un valletto (perché d’altronde il suo ruolo si è ridotto a questo più che a co-conduttore, ndr)- ironizza Alessandro Negri-, così si ha la parità dei sessi anche in questo, mi auspico che questa figura ci sia anche l’anno prossimo”.

 

Sicuramente Garko ha fatto fare una bella figura dal punto di vista estetico a Settimo- commenta Giovanni Gualtieri-. È stato anche simpatico. Nell’intervista doppia con Nino Frassica è stato al gioco, l’ha presa bene, nonostante Frassica sia stato abbastanza pesante nelle battute”.

 

“Anche se non sembrava, doveva essere molto emozionato, più dell’altra valletta- interviene Sabina Tonon-. Mi è piaciuto molto che dopo le numerose critiche, già dalla seconda serata, c’ha scherzato su. Come quando c’era la professoressa di Ceresole è ha detto: “Torno a scuola anch’io, così imparo a leggere”. È stato al gioco”.

 

Mi è sembrato un po’ troppo caricato, sia come espressione che come dizione– giudica Federica La Porta-. Si vede che si è rifatto. Non è uno degli attori italiani migliori ma sa recitare abbastanza bene e sicuramente Sanremo è un’esperienza che gli servirà molto. Anche se dopo l’incidente capitato poche settimane fa (l’esplosione della villetta in cui alloggiava, ndr), si vedeva che era ancora scosso. Infatti, molti dicono che al di fuori, dietro le quinte, sia stato molto pensieroso”.

 

“Il co-conduttore non è il suo ruolo- sostiene Alessandro Trevisan-. Lui è abituato ad interpretare una parte, invece a Sanremo è stato se stesso con tutti i suoi limiti. C’ha fatto scoprire che non è tutto d’un pezzo, in certi momenti non sapeva neanche lui cosa doveva fare. Nonostante tutte le critiche è stato sorridente ed è stata una persona vera su un grande palcoscenico nazionale. Poi abbiamo scoperto nell’intervista doppia che ha cambiato definitivamente nome all’anagrafe (il suo vero nome era Dario Oliviero, ndr)”.

 

Garko? A me non piace, ma la sua parte all’Ariston la fa bene- commenta Alfredo-. Li fa il valletto, questa è la verità. Per me Garko resta quello delle Fate Ignoranti, non quello della fiction, che non apprezzo. Comunque alla fine, che se ne parli bene o che se ne parli male, delle cose conta che se ne parli. Quindi io gli darei un 8. Posso dire che a questo Festival i “vecchi”, come gli Stadio, hanno avuto più coraggio. I giovani hanno proposto le solite canzoni da Sanremo”.

 

 

 

 

 

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CASTELLAMONTE. Sopralluogo di Bartoli alla discarica di Vespia: “Da chiudere nel minor tempo possibile”

CASTELLAMONTE. Sopralluogo di Bartoli alla discarica di Vespia: “Da chiudere nel minor tempo possibile”. A …

CHIVASSO. Palalancia: respinto il ricorso degli ex gestori

Si è svolta giovedì pomeriggio, 17 settembre, la conferenza stampa organizzata dall’Amministrazione comunale per illustrare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *