Home / Home / Settimo T.se: “Risalendo il fiume Po”

Settimo T.se: “Risalendo il fiume Po”

Parti, pedala e scopri.

Sono queste le tre parole che si sono diffuse tra le persone che hanno partecipato, giovedì 18 aprile alle ore 10 presso l’Ecomuseo del Freidano a Settimo, alla presentazione della mappa di un percorso ciclabile “Risalendo il fiume Po” che parte dall’Ecomuseo del Freidano e arriva alla Fontana dei 12 mesi del Parco del Valentino a Torino.

Erano presenti Aldo Corgiat, presidente della Fondazione ECM, Silvia Favetta, vicesindaco di Settimo, Gianni Fina, della Ri-Ciclistica, Mario Agnese, della FIAB Torino bici & dintorni, l’architetto Giuseppe Serra, del comune di Torino, Giulia Guazzora, assessore alla promozione delle attività e delle manifestazioni culturali e del Turismo di San Mauro, e Marianna Sasanelli, responsabile dell’Ecomuseo. 

Tra i presenti c’erano anche i rappresentanti di alcune associazioni del territorio: Legambiente Metropolitano, Borgata Paradiso e Amici in bici.

“Risalendo il fiume Po” fa parte del circuito ciclabile “Corona di Delizie in bicicletta” che si sta costruendo attorno a Torino e che vuole ripercorrere in bici un concetto architettonico commissionato dai Savoia, tra il ‘500 e il ‘600, di avere un collegamento tra le regali residenze allo scopo di testimoniare e mettere in risalto la sfarzosità della Casa Reale.

L’idea della “Corona di Delizie in bicicletta” è nata nel 1999 grazie a Mario Agnese, con l’obbiettivo di avere un anello di collegamento percorribile in bicicletta tra i 16 comuni limitrofi a Torino, tra cui Settimo, per una lunghezza di 90 km. Il percorso non utilizza strade condivise con le automobili, ma solo piste per le biciclette perché la percorribilità deve avvenire in piena sicurezza assaporando la storia e la natura. Infatti, questo anello ciclabile non è pensato per i professionisti, ma per le famiglie e i turisti.

“Risalendo il fiume Po” non è solo per ciclisti, ma è anche fattibile a piedi ed è soprattutto un modo di vivere il nostro territorio in modo diverso dal solito. Questo perché affianco alla natura c’è anche la storia e la cultura di Torino e dei comuni vicini. Nelle sue decine di varianti si possono visitare, ad esempio, il Parco della Mezzaluna, l’Abbazia di Pulcherada a San Mauro, la Basilica di Superga, il Parco del Meisino, la Villa della Regina, la Gran Madre di Dio e, per finire, la Fontana dei 12 mesi.

Il cicloturismo sta prendendo sempre più piede a tal punto che sono sorte iniziative commerciali prima inesistenti come il Bicigrill a Rivalta o come alcuni ristoranti, tra i quali L’Ostu Dal Maslè a Mezzi Po, che danno in prestito la bicicletta ai clienti per fare assaporare loro, oltre al cibo, anche la natura.

La mappa del percorso ciclabile di quasi 10 km dall’Ecomuseo per arrivare al Parco del Valentino è stata curata e realizzata grazie alla collaborazione di Ri-Ciclistica settimese con gli Operatori Volontari Servizio Civile Nazionale dell’Ecomuseo del Freidano.

Commenti

Blogger: Marco G. Dibenedetto

Marco G. Dibenedetto
DIBENEINSETTIMO

Leggi anche

SETTIMO. Nosiglia in visita alla Olisistem a Settimo

Quattrocento persone rischiano il posto alla Olisistem, il Comune di Settimo si schiera accanto ai …

CALCIO. Juve a test Atalanta, CR7 voglia di riscatto

Anche se non in perfette condizioni fisiche, sarà una Juventus quasi al gran completo quella …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *