Home / Home / Settimo T.se: non tagliate gli ippocastani

Settimo T.se: non tagliate gli ippocastani

No al taglio degli ippocastani.

Sabato 6 aprile alle 16,30 in corso Piemonte, si è svolta una conferenza stampa di Legambiente Settimo e del Comitato salva l’area verde di Corso Piemonte per dire un secco NO al taglio dei 20 alberi pluridecennali, tra cui alcuni ippocastani, per fare spazio al parcheggio del nuovo centro commerciale di 2.570 metri che è in costruzione sullo storico campo da calcio. I lavori di realizzazione, iniziati a febbraio e che continuano a ritmi serrati, hanno indignato sia gli ambientalisti sia alcuni cittadini residenti in zona poiché, per evitare che in autunno le castagne cadano sulle automobili parcheggiate, si è pensato bene di abbattere gli alberi. Il Comitato salva l’area verde di Corso Piemonte chiede a gran voce che, invece di tagliare i 20 alberi, venga rivisto il progetto del parcheggio, poiché bisogna intervenire adattando il progetto all’ambiente e non viceversa. 

Il sindaco, Fabrizio Puppo, in una lettera indirizzata a Legambiente, tentando di rassicurare gli animi, ha scritto: “…a fronte di 20 alberi rimossi, ne saranno piantati 36. Verranno messi 7 esemplari di Acer Campestre e 29 esemplari di Carpinus Betulus Pyramidalis. E quindi il numero di alberi di nuova piantumazione sarà maggiore di quelli rimossi e, una volta terminato il periodo di crescita iniziale, la capacità di assorbimento di CO2 aumenterà “.

Però Gianni Ronchetti, di Legambiente, Marina Tognolo, del Comitato salva l’area verde di Corso Piemonte, e  i condomini di corso Piemonte non ci stanno.

“Questo taglio di alberi è l’ennesimo caso di cementificazione del territorio a discapito dell’ambiente cittadino- ha detto Ronchetti –ma soprattutto il ripristino dell’ecosistema devastato e la crescita dei nuovi alberi in questione richiederanno svariati anni”.

“Non è possibile che il Comune permetta di tagliare 20 alberi che hanno più di 50 anni e che danno ossigeno alla città- ha aggiunto Marina Tognolo- e per cosa? Per non far cadere delle castagne sulle auto? E allora cosa devono dire i torinesi che parcheggiano in corso Re Umberto? Lì è pieno di ippocastani? In ogni modo, come azione dimostrativa alcuni cittadini saliranno su qualche albero a difesa del verde comune che dovrebbe essere patrimonio di tutti, al di là delle scelte politiche”.

“Ma di quanti supermercati ha bisogno Settimo? –ha sottolineato Biagio Nigrone, un condomino del palazzo di fianco al nuovo supermercato– Qui avremo soltanto, con tutte le auto che circoleranno, un aumento di inquinamento acustico e atmosferico”.

Pierpaolo Molinaro, altro condomino, vorrebbe chiarezza sulla proprietà del marciapiede attorno al supermercato, poiché è importante capire fino dove possano arrivare con i parcheggi.

Era presente il candidato sindaco Antonio Mencobello, della Lega Nord, che ha sottolineato come l’ambiente sia importante e bisogna rivolgere la massima attenzione alle risorse che abbiamo attorno a noi.

L’incontro di sabato, però, ha anche avuto un altro obbiettivo: quello di presentare il “Manifesto di Impegno Ambientale”. Gli ambientalisti di Settimo (Legambiente, Comitato No Torri nell’area Bordina, Comitato salva l’area verde di Corso Piemonte e il Comitato cittadini di piazza Freidano No antenne) hanno sottoposto a tutti e  quattro i candidati sindaci il documento, diviso in 14 punti, per la tutela attiva del suolo, in difesa dell’ambiente e per la promozione della qualità della vita. Chiedono, inoltre, di impegnarsi con atti formali qualora venissero eletti. Il “Manifesto di Impegno Ambientale” lo si può trovare sulla pagina Facebook di Legambiente Settimo, mentre le rispose saranno pubblicate successivamente.

Qualche mese fa si erano raccolte 1700 firme per chiedere lo stop del progetto, petizione che però non è stata accolta dalla giunta comunale poiché quel terreno era  già passato in mani di privati.

L’assessore all’ambiente, Massimo Pace, sentito per telefono, ha affermato però che :“A Settimo esiste l’anagrafe degli alberi che prevede che ogni volta che si taglia un albero, se ne deve piantare un altro. Inoltre, per regolamento comunale l’Amministrazione pianta un albero per ogni bambino che nasce a Settimo, quindi la percentuale tra tagliare e piantare alberi è di gran lunga sbilanciata sulla seconda”. 

L’assessore ha aggiunto che i tecnici del comune hanno già svolto un sopralluogo in loco, e si cercherà di spostare quegli alberi da un’altra parte. 

“Sempre che riescano a sopravvivere all’espianto” ha concluso Ronchetti.

Alla fine della conferenza stampa, alcuni ambientalisti si sono riuniti in un Flash mob e hanno ripulito l’area dietro al campo da calcio per ribadire, con un messaggio semplice e chiaro, che gli alberi non si devono toccare.

Commenti

Blogger: Marco G. Dibenedetto

Marco G. Dibenedetto
DIBENEINSETTIMO

Leggi anche

MATERA. ANSA/ Weekend: Mostre, da Mantegna a Dürer e Nagasawa

Maria Lai e Antonio Marras, Andrea Mantegna, e poi ancora Dürer, Nagasawa, le grafiche di …

SETTIMO. Ruzza e Schifino fanno “comunella” contro il De Amicis

“La Schifino ha ragione, la penso come lei”, firmato Elena Ruzza. L’assist nei confronti della consigliera …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *