Home / Dai Comuni / Settimo T.se: 6° Festival dell’Innovazione e della Scienza, 2018

Settimo T.se: 6° Festival dell’Innovazione e della Scienza, 2018

(Marco Dolfin)

 

Quest’anno il 6° Festival dell’Innovazione e della Scienza ha un titolo che fa riflettere: Pensa alla salute. 

La manifestazione si svolgerà a Settimo e in undici comuni limitrofi, dal 14 al 21 ottobre, e avrà come argomento la sostenibilità ambientale, l’alimentazione, la medicina e lo sport.

Manca quasi un mese all’inizio dell’evento, ma Dario Netto, Responsabile della Comunicazione di ECM, e Loradana Prisco, della Programmazione Eventi e Relazioni Pubbliche, avvertono che tutto inizierà molto prima.

Si comincia, infatti, il 10 settembre con “Aspettando il Festival”. Tra le prime iniziative c’è la mostra “2030 what are you doing?” della Lavazza nella quale verranno esposti alcuni pannelli, già presentati a Milano, Parigi e New York, realizzati per il calendario Lavazza. Il Calendario 2018 è stato ideato dall’azienda come megafono artistico per far conoscere e per sensibilizzare le persone agli obiettivi di sviluppo sostenibile sottoscritti alle Nazioni Unite nel 2015.  

È interessante notare che tra i testimonial presenti nei pannelli ci sono tre famosi personaggi di spicco del mondo scientifico che interverranno al Festival con la loro presenza e le loro opinioni, e sono: Gunter Pauli, esperto di Blue Economy, Marco Attisani, ideatore di Watly: un computer termodinamico in grado di assicurare, nelle zone più povere del pianeta, le tre colonne portanti della civiltà odierna (acqua, energia e connessione internet) e Francesco Faccin con la sua famosa Honey Factory.

Il Festival dell’Innovazione e della Scienza è un modo diverso di affacciarsi alla conoscenza scientifica e alle sue declinazioni, un modo non accademico, simpatico e innovativo di imparare. Troveremo, ad esempio, la prima escape room scientifica, dal nome suggestivo: Il settimo mistero, per svelare i segreti delle proteine. Un’occasione divertente e di gioco attraverso cui i ragazzi possono apprendere, senza annoiarsi, cosa sono le proteine, le loro funzioni e perché è necessario che il nostro corpo le assuma. Ma il Festival è anche emozione pura, perché ospiterà Marco Dolfin, medico chirurgo ortopedico del San Giovanni Bosco, medaglia d’argento agli Europei di nuoto paralimpico a Dublino, nei 100 rana SB5.

Come ogni anno, il Festival non è pensato solo per gli adulti, ma anche per i più piccoli e per le scuole. Ci sarà infatti, oltre alle decine di laboratori alla biblioteca Archimede e all’EcoMuseo Freidano, una tecnostruttura di oltre cinquanta posti a forma di planetario che ospiterà, in piazza della Libertà, moltissimi incontri riguardanti lo spazio e le stelle dove le scuole settimesi, e non solo, potranno accedere e imparare qualcosa di nuovo.

Insomma, un Festival pieno di contenuti che sottolinea quanto la scienza possa essere divulgata e appresa con facilità e divertimento.

Commenti

Blogger: Marco G. Dibenedetto

Marco G. Dibenedetto
DIBENEINSETTIMO

Leggi anche

Chiaverano Cultura in tempi di Covid

CHIAVERANO. La cultura in tempi di Covid, il paese non rinuncia alla sua stagione

Parte sul web la stagione culturale chiaveranese. Una sorta di esperimento fortemente voluto dal sindaco …

CUORGNE’. Primo Consiglio dopo il Lockdown: un clima di collaborazione

Se c’è una cosa che è saltata agli occhi in questo primo consiglio del “dopo” …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *