Home / Dai Comuni / SETTIMO. Sottopasso Viviani e la piazzetta dedicata a suor Severina
Il poeta settimese Salvatore Viviani

SETTIMO. Sottopasso Viviani e la piazzetta dedicata a suor Severina

Sabato 26 maggio si terrà la cerimonia ufficiale di intitolazione del sottopasso che collega il Borgo Nuovo al centro cittadino, a Salvatore Viviani, poeta in lingua piemontese (1920-2007) e del Piazzale-parcheggio in Via Leini (nei pressi nella ex Banca Unicredit) a Suor Severina Cappelletti, meglio conosciuta come Suor Elena o suor Maestra, benemerita della Resistenza (1901-1981).

Un evento organizzato dalla Città di Settimo Torinese, in collaborazione con il GRES (Gruppo Ricerche Etnografiche Settimesi), la Famija Setimèisa e l’ANPI Sezione G. Nicoli di Settimo, per rendere omaggio a due illustri cittadini.

L’appuntamento è alle 10,30 nei pressi dell’ex Pieve di San Pietro a destra dell’imbocco del sottopasso dove una targa ricorderà il nome del poeta settimese. Da qui la cerimonia proseguirà a poca distanza lungo via Leinì all’altezza di Via Pasubio dove un ampio piazzale verrà intitolato alla Suora della Congregazione di San Giuseppe Benedetto Cottolengo che a Settimo prestò 46 anni di ininterrotto servizio.

Oltre al sindaco della città di Settimo Fabrizio Puppo, saranno presenti Carlo Formento e Adriana Viviani, genero e primogenita del poeta, Paolo Silvetti in rappresentanza del Gres ma anche in qualità di Membro della Commissione di Toponomastica, il presidente della Famija Setimèisa Attilio Conte e lo storico nonché Presidente dell’ANPI – sezione Guerrino Nicoli di Settimo, Silvio Bertotto. Entrambe le intitolazioni sono infatti legate alla Resistenza: Salvatore Viviani non fu solo un poeta in lingua piemontese, ma anche partigiano e prigioniero nel campo di concentramento di Aubagne in Francia nel 1944.

Suor Elena era chiamata affettuosamente dai settimesi suor Maestra perché insegnava taglio e cucito alle bambine e ragazze nel Laboratorio femminile della parrocchia di San Pietro in Vincoli. Gli anni difficili della guerra le offrirono l’occasione di dimostrare tutto il suo coraggio e l’amore per il prossimo.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Carcere

IVREA. A marzo il nuovo comandante del carcere. E intanto un detenuto aggredisce un poliziotto e Antigone dà i numeri

L’associazione Antigone è tornata ad occuparsi del carcere di Ivrea con una scheda analitica delle …

IVREA. Baby gang sugli autobus. Scattano i controlli delle telecamere

Nel film “I guerrieri della notte”, del 1979, ispirato da un libro di Sol Yurick, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *