Home / Dai Comuni / SETTIMO. Il Pd incontra Carretta: “Sì a Forza Italia, No a Mdp”

SETTIMO. Il Pd incontra Carretta: “Sì a Forza Italia, No a Mdp”

“Io sto con Berlusconi, mai con Mdp”. No, non siamo ad una divertente festa organizzata da Forza Italia ma dentro la sede del Partito Democratico, a pochi passi da “Il quarto stato”, il celebre quadro di Pelizza da Volpedo manifesto storico del proletariato. Le lodi per il cavaliere, arrivano da Raffaele Pace, conosciuto da molti, a Settimo, come “Raffandra” per le sue storiche e sempre azzeccatissime previsioni. Un militante con un curriculum di tutto rispetto che parte dal Pci, passa per le sue innumerevoli evoluzioni e arriva al Pd. Fratello del Pace (Massimo), assessore in quota Mdp.

Lo scenario è quello della presentazione della mozione dell’unico candidato alla segreteria provinciale, Domenico Carretta, giunto a Settimo per delineare i suoi progetti e per rilanciare il partito. Anche questa, dunque, diventa l’ennesima occasione per ribadire il clima infuocato che si respira a Settimo tra Pd e scissionisti.

Alle parole di Pace fanno eco, poi, anche quelle del consigliere comunale Angelo Palumbo. “Credo sia giusto – ha detto – guardare a quel mondo vicino ad Alfano che ha sostenuto il governo nazionale in questi anni, credo sia la cosa più logica”.

Non si risparmia anche la renzianissima Caterina Greco. “Questo circolo – racconta la Greco a Carretta sta vivendo un momento di tempesta politica, occorre capire come muoversi in vista dei prossimi appuntamenti elettorali”.

E, come se non bastasse, il “Mai con Mdp, mai con gli scissionisti” arriva anche dai alcuni semplici militanti e costinari accorsi in sede per salutare il prossimo segretario provinciale. Insomma, dalle parti del Pd l’alleanza con il mondo scissionista pare non piacere quasi a nessuno.

Eccetto al sindaco Fabrizio Puppo che, ancora un volta, fa gli occhi dolci agli scissionisti. “Piaccia o non piaccia Mdp è l’alleato preferito tra gli elettori del Partito Democratico, così dicono i sondaggi. Credo sia giusto guardare al centro sinistra non altrove, è lì che dobbiamo lavorare. Io non sono così pessimista in questo senso”.

Più, pragmatico, poi, l’intervento della segretaria Chiara Gaiola. “Condivido in parte quello che dice Puppo ma qui nel PD ci sono varie sensibilità e io ho il dovere di trovare una sintesi. Ho sempre avuto paura delle forze piccole che hanno il potere di ricattare i grandi partiti. Alla fine la sinistra, a livello nazionale, si è sempre uccisa così. Qui a Settimo, noi, non dobbiamo inseguire nessuno”.

A riportare la calma ci ha pensato Carretta. “Io non ho mai parlato di un’alleanza con Mdp – ha detto – credo, però, ci sia la necessità di ricostruire un perimetro di centro sinistra e di considerare che l’allontanamento di certe persone possa essere solo temporaneo. Il partito deve lavorare tanto, scommettere sulla classe dirigente giovane e provare a guardare avanti. C’è tanta gente che non ci vota più, dobbiamo riconquistare quell’elettorato”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Celestino Vietti: “Sono fortunato perché ho la possibilità di inseguire il mio sogno con le moto”

Celestino Vietti è nato a Ciriè nel 2001 ed è il più giovane pilota entrato …

SAN GIORGIO. Autostrade: A5,chiusa per lavori 3 notti Scarmagno-S.Giorgio

Per lavori di riqualificazione al viadotto del ‘Bessolo’, sulla carreggiata sud dell’autostrada Torino-Aosta, Ativa, la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *