Home / In provincia di Torino / SETTIMO. Omicidio mercato libero scambio, imputato seminfermo di mente
Maurizio Gugliotta Settimese, aveva 51 anni

SETTIMO. Omicidio mercato libero scambio, imputato seminfermo di mente

È seminfermo di mente Khalid De Greata, il 28enne nigeriano accusato dell’omicidio di Maurizio Gugliotta, il 51enne di Settimo ucciso il 15 ottobre 2017 al mercato di ‘libero scambio’ di Torino con una coltellata. A stabilirlo è una perizia tecnica disposta dal gup.
La sentenza del processo era prevista il 19 ottobre 2018, ma è stata rinviata su richiesta del giudice Stefano Vitelli. Per l’imputato, accusato di omicidio aggravato da futili motivi e tentato omicidio nei confronti di un amico della vittima, il pm Gianfranco Colace ha chiesto l’ergastolo. Secondo la consulenza della Procura, De Greata soffre di “seminfermità mentale e disturbo psicotico con caratteristiche paranoidi. Ma è comunque in grado di stare in giudizio”. La prossima udienza è fissata per il 12 marzo 2019.
“Non mi convincerò mai che è pazzo, non lo perdonerò mai – si sfoga la vedova di Gugliotta, Carmela Caruso, parte civile nel processo – Dov’è il nostro Stato?”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

CHIVASSO. Massimiliano Modena e le sue foto che “parlano”

“La fotografia è il grande amore della mia vita. Sono specializzato, in particolare, in reportage …

CAREMA. Un malore improvviso strappa alla vita l’ex sindaco Giovanni Aldigheri

Aveva 67 anni anni il vicesindaco Giovanni Aldigheri e nulla che facesse presagire la tragedia. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *