Home / In provincia di Torino / SETTIMO. Il ministro Luca Lotti per presentare il Palazzetto: “Cresciamo insieme”

SETTIMO. Il ministro Luca Lotti per presentare il Palazzetto: “Cresciamo insieme”

Il Palazzetto dello sport sarà un bel regalo per il sessantesimo compleanno della città di Settimo.

Mercoledì 16 novembre, presso la sala Levi della biblioteca Archimede, è stato presentato il progetto per la realizzazione del  palazzetto dello sport a Settimo. L’impianto, cofinanziato con sei milioni di euro attraverso i fondi Cipe, il comitato interministeriale per la programmazione economica, e dalla città di Settimo sorgerà nell’area Bordina, nei pressi dell’Ospedale Settimo. La struttura avrà 1238 posti a sedere, con una superficie totale di circa duemila metri quadrati con caratteristiche polivalenti. Il progetto sarà realizzato con materiali innovativi e sarà alimentato con energia rinnovabile. Ora si attende di aggiudicare i lavori con un regolare bando. Ala conferenza di presentazione, ha partecipato il ministro dello sport, Luca Lotti, l’onorevole del PD Silvia Fregolent, il sindaco, Fabrizio Puppo, l’assessore allo sport Antonello Ghisaura, Pierangelo Toniolo, dell’Akiyama, e Rachele Morello, campionessa del mondo under 18 di pallavolo. Fabio Basile, impegnato a Roma, era il grande assente ma la sua impresa sportiva è stata rivissuta attraverso un contributo filmato. Il campione aveva chiesto con un sorriso di intitolare il palazzetto con il suo nome o di realizzare una statua in suo onore, da mettere all’ingresso dell’impianto. Si vedrà. “Settimo ha moltissime squadre sportive di alto livello – ha detto il sindaco Fabrizio Puppo ne nomino due in rappresentanza di tutte: la Lilliput di pallavolo femminile in serie B1, e l’Akiyama da cui è partito Fabio Basile, campione olimpico 2016 a Rio de Janeiro. Il palazzetto dello sport servirà a tutte le discipline, senza dimenticare i nostri atleti degli Special Olympics di cui siamo molto orgogliosi”.

L’assessore allo sport, Antonello Ghisaura, è uno dei maggiori artefici di questo successo. E’ stato un “lavoro di squadra”, ma l’assessore ha inseguito e ottenuto i finanziamenti per realizzare una struttura per discipline indoor ad alto livello. La vittoria di Fabio Basile ha acceso i riflettori sulla città e sulle capacità dell’Akiyama, dando ancora più forza alla richiesta condivisa da tutte le forze politiche della città. “Noi ci impegneremo – ha detto Ghisaura – a rispettare i tempi che ci siamo dati, ovvero realizzare la struttura e farla entrare in funzione entro l’anno sportivo 2019/20”.

L’onorevole Fregolent ha avuto un ruolo fondamentale nell’attribuzione del finanziamento “Non si fa cultura solo con i libri   ha sottolineato Fregolent – ma anche con lo sport. In questo le periferie, con le loro risorse e i loro punti di forza, devono essere al centro dei nostri pensieri per cercare di risolvere quelle problematicità che a volte sembrano insormontabili”.

Pierangelo Toniolo ha posto l’accento sulla sinergia e sulla possibilità di lavorare insieme. “Da soli non si arriva da nessuna parte. Solo grazie alla collaborazione e all’aiuto di molte persone è stato possibile arrivare ad un grande risultato come quello di Rio 2016. E questo Palazzetto ci dà la possibilità di praticare attività sportive tutti insieme”.

Anche Rachele Morello, con la timidezza della sua giovane età, è d’accordo: “Solo grazie ai sacrifici e agli altri si arriva in alto, e questo palazzetto farà bene allo sport settimese”.

Il Ministro allo Sport, Luca Lotti, inizia il suo intervento con una frase di Fabio Basile: “Il judo mi ha salvato dalla strada e mi ha risparmiato di vivere delle brutte esperienze”.

Lotti ha messo in evidenzia come grazie al governo precedente e a quello attuale, ma soprattutto grazie alla caparbietà dell’amministrazione comunale di Settimo, si siano destinati più di 5 milione e mezzo di Euro per la realizzazione di questa fantastica infrastruttura sportiva. Soldi che provengono dal fondo del CIPE sulle periferie: se non fossero stati impegnati sarebbero ritornati, per il 50%, nelle casse di Bruxelles.

“È importante investire nelle periferie – dice il ministro – non solo per quelli che arrivano in alto, come Fabio e Rachele, ma per tutti quelli che vivono lo sport come scuola di vita. Chiedo solo all’amministrazione di rispettare i tempi che abbiamo definito, questo per dire e affermare che la politica non è fatta solo di parole e promesse non mantenute. La politica è fatta anche di concretezza”. Il Palazzetto dello sport sarà un bel regalo e come dice Pierangelo TonioloL’impresa è stata sicuramente quella di vincere a Rio, ma è stato ancora più bello che a partire da questa medaglia  un sogno come il palazzetto di Settimo sia diventato una realtà”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Carabinieri (foto d'archivio)

TORRAZZA. Proiettile contro un’abitazione: “Temiamo arrivi dal poligono”

Un solo sparo, in pieno giorno ha colpito la porta della villa di una coppia …

CHIVASSO. Massimiliano Modena e le sue foto che “parlano”

“La fotografia è il grande amore della mia vita. Sono specializzato, in particolare, in reportage …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *