Home / BLOG / SETTIMO. La Boschi o la salamella? Questo è il problema del Pd

SETTIMO. La Boschi o la salamella? Questo è il problema del Pd

Il problema del Pd è che nessun renziano sa fare le salamelle. Quest’è.

 

La vicenda è nota: la giovane segretaria Chiara Gaiola voleva invitare alla Festa dell’Unità il ministro Maria Elena Boschi. Ai comunisti è venuta l’orticaria. “Quella lì a casa nostra? – si sono detti i vecchi Pci – Noi che Renzi non lo tocchiamo neanche con un bastoncino? Adesso vi facciam vedere”. Ed è partito il fuoco di fila.

 

“La Festa è una festa se vengono i volontari” ha sibillinamente sottolineato Aldo Corgiat, un messaggio diretto al cuore rosso dei “costinari”. Sì, i costinari. Gente con tre tessere in tasca: Arci, Pd e Anpi. Gente con quarant’anni di militanza, gente che ha iniziato a chiamare segretario Berlinguer e che un giorno si è ritrovata a dir “signorsì” a Renzi. E non ci capisce più un tubo. Ma va bene così, perchè ogni anno, quando arriva giugno, cascasse il mondo, il costinaro è lì, puntuale come le zanzare, davanti alla griglia ad arrostire la salamella. Perchè alla fine, malgrado tutti i jobs act e tutti gli Italicum, questo è il suo Partito: il Partito della Salamella.

 

Ecco, a questa gente qui parla Corgiat quando dice che la Festa non può trasformarsi in una platea inconsapevole della Boschi e quindi del sì al referendum. E quando Corgiat dà l’imbeccata al costinaro, che su certe cose è un tipo ricettivo, si accende una lampadina. “Ma come, noi stiam qui trulli trulli ad arrostire braciole cantando la Locomotiva mentre “quella lì” viene a casa nostra e ci sbriciola la Costituzione davanti agli occhi?”.

A Settimo è andata così. Corgiat ha risvegliato la coscienza costinara. E in un rigurgito d’orgoglio postcomunista il Partito della Salamella ha parlato e ha detto: o noi o lei.

 

Ora, c’è una sola cosa che alla gente del Pd piace più di Maria Elena Boschi, ed è proprio la salamella. Si capisce che il dilemma, per la segretaria Gaiola, era insolubile. Perchè il problema non è tanto politico quanto gastronomico: i renziani non le sanno fare, le salamelle! Non sanno spillare le birre, non gli serve, pasteggiano a  MoleCola. I renziani son diversi. Loro non cucinano, fanno il brunch. Al massimo gli puoi chiedere qualche tartina, un tramezzino salmone e patè d’olive, l’insalata farro e ginseng. Per carità, tutta roba di qualità, chilometri zero, la prendono da Eataly, ma del tutto inadatta alla Festa, tuttalpiù buona per l’Apericena dell’Unità. E quindi eccolo lì, il padre di tutti i ricatti: o la Boschi o la Salamella.

 

L’alternativa sarebbe stata che i renziani si mettessero alla griglia. Ma ve lo immaginate, il buon Ghisaura, con la fronte madida di sudore a spennellar di rosmarino trecento metri di salsiccia? Mentre la Boschi, in lontananza, spiega al pubblico e alle zanzare il nuovo Senato delle Regioni? E lui che dalle retrovie si sbraccia, unto come un wurstel “Maria Elena, Maria Elena, la vuoi sapere, la mia posizione sul Titolo Quinto?”. Ve lo immaginate? Noi no. E neppure lui. Insomma, la vera verità è che s’è dovuto rinunciar alla Boschi per non dover rinunciare alla Salamella.

 

Ed è vero un peccato perchè, da qualunque punto di vista uno la guardi, riuscire a portare al De Gasperi il ministro che può cambiare l’Italia sarebbe stato un risultato politico enorme. E poi, per inciso, sul piano dei contenuti il match Corgiat-Boschi sarebbe stato tantissima roba, come dicono i giovani.

 

A proposito di giovani. Un appello a quelli del Pd: imparate a cuocere le salamelle. Altrimenti, cari Piastra, Volpatto, Gaiola e Rivoira, non conterete mai per davvero, in questo partito. Imparate a grigliare le braciole. E poi insegnatelo ai giovani. Fatelo per il bene del Pd, perchè l’alternativa è l’Apericena dell’Unità. Tante tartine, stuzzichini, Rodeo a volontà. Il mojito.

 

Io però non vengo.

 

lorenzobernardi@giornalelavoce.it

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. No alla censura, CasaPound imbavaglia la statua di Ettore Perrone

Un bavaglio apposto dai militanti di CasaPound sulla statua di Ettore Perrone nel centro di …

BOLLENGO. Se il cinghiale passeggia tranquillamente nella via centrale del paese

Oramai siamo invasi dai cinghiali. L’alta sera, intorno alle 23, ce n’era una che tranquillamente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *