Home / Dai Comuni / SETTIMO. Ex rifugiato bloccato dalle disposizioni per il Coronavirus
Abdullahi Ahmed intervistato nella redazione de La Nuova Voce
Abdullahi Ahmed intervistato nella redazione de La Nuova Voce

SETTIMO. Ex rifugiato bloccato dalle disposizioni per il Coronavirus

Non riesce a tornare a casa per “colpa” del Coronavirus e del suo passaporto italiano. Era arrivato al Centro Fenoglio nel 2008, nel 2014 era diventato cittadino onorario e oggi, dopo 12 anni, avrebbe dovuto riabbracciare i genitori in Somalia. Putroppo, però, Abdullahi Ahmed, 31 anni, ex rifugiato, settimese, da quattro anni cittadino italiano, è stato bloccato all’aeroporto di Parigi in seguito alle disposizioni per l’emergenza Coronavirus.

 

“La Turkish Airlines, compagnia di bandiera turca, ci ha spiegato che i cittadini italiani non possono viaggiare a causa del Coronavirus – racconta – Volevo riabbracciare i miei genitori. E non solo. Avrei anche dovuto promuovere un progetto, sostenuto da una delle agenzie delle Nazioni Unite, per un ponte tra i giovani italiani e quelli somali”. Oggi Abdullahi è stato costretto a tornare a Torino.

“È stato surreale – ha detto scendendo dal treno alla stazione di Porta Susa- ho impiegato dodici anni per diventare cittadino italiano e ora che ho i documenti in regola non posso più viaggiare”.

Commenti

Blogger: Mattia Aimola

Mattia Aimola
Senza peli sulla penna

Leggi anche

SAN SEBASTIANO. Frana il muraglione di una casa, paura a Moriondo

SAN SEBASTIANO. Frana il muraglione di una casa, paura a Moriondo Frana il muraglione di …

CHIVASSO. Caos per l’accesso in ospedale, Castello sbotta con l’Asl

CHIVASSO. Caos per l’accesso in ospedale, Castello sbotta con l’Asl. Il sindaco di Chivasso Claudio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *