Home / Dai Comuni / SETTIMO. Emergenza invasione, migranti e Coviddi? Stupidaggini da social e non solo

SETTIMO. Emergenza invasione, migranti e Coviddi? Stupidaggini da social e non solo

“Sono più pericolosi i ladri o gli incapaci in uno stato? Giulio Cesare rubava, Napoleone rubava… Per un sistema politico, il più pericoloso è l’idiota incompetente. Il 90% oggi sono idioti incompetenti, il pericolo è sommo”. Parlava così, qualche giorno fa, in tv, il filosofo Massimo Cacciari. La massima dell’ex sindaco di Venezia la possiamo copiare e incollare anche in quel di Settimo per raccontare la discussione che si è susseguita, in questi giorni, sui social (ma non solo), sull’immigrazione, tra alcuni esponenti regionali e nazionali del centro destra (Lega e Fratelli d’Italia) e l’amministrazione locale. 

Perché, qui, sui migranti, il problema, molto probabilmente non è il razzismo (che pure esiste ancora), ma la totale ignoranza, non solo del cittadino medio (e ci sta, la gente non puo’ sapere tutto) ma pure di chi fa parte delle istituzioni. E così, nelle ultime settimane, ci siamo ritrovati esponenti della Lega regionale prendersela con Settimo dopo che la richiesta di accogliere era arrivata anche con la compartecipazione della Regione (governata pure dalla Lega). Ma non basta ancora: abbiamo visto anche parlamentari e politici locali in processione davanti al Fenoglio per andare a verificare le condizioni dei migranti che non c’erano ma erano già stati trasferiti altrove. 

Un racconto, dunque, dove la propaganda supera continuamente la realtà e pure la logica ferrea dei numeri. Quando al Fenoglio c’erano un migliaio di immigrati, quando nel 2016 sbarcarono più di 180 mila persone in Italia, non c’era il “ rumore” che si sente oggi e forse sarebbe stato pure giustificato. La paura, allora, poteva anche essere sensata, oggi, invece, si soffia sul fuoco di una paura che non è sostenuta dai numeri ma solo dalla propaganda. I numeri, oggi, raccontano di 13 mila sbarchi nel 2020, di 196 arrivi in Piemonte qualche giorno fa e di una quarantina a Settimo. Numeri da controllare ma sostanzialmente insignificanti. Stessa cosa dicasi per i migranti risultati positivi al Covid19, tutti asintomatici, 15 in tutto a Settimo. Roba che se avessero tamponato tutti i cittadini di Settimo, a marzo, sarebbero venuti fuori migliaia di positivi. Qui ne abbiamo 15, isolati, ed è subito l’apocalisse. O meglio: subito c’è qualcuno che racconta l’apocalisse anche se i medici piemontesi hanno detto che il legame tra Covid e migranti è, sostanzialmente, una stupidaggine. Poi ci sono pure quelli che dicono: “Ma perché non li ospiti a casa tua?”, e la risposta potrebbe essere: “Ma perché l’anagrafe o l’ospedale non li fai a casa tua?”. Perché è compito dello Stato, punto. Il problema italiano, ormai, sull’immigrazione come su altro, è uno: tutto è diventato tifo, non c’è analisi ma solo fazione, solo lo scontro tra due slogan sbagliati “porti aperti”, “porti chiusi” che non raccontano la complessità della questione ma solo narrazioni sbilenche.

 

EDIT. I 15 migranti positivi al Covid non si trovano più al Fenoglio, sono stati trasferiti in una struttura fuori Settimo

Commenti

Blogger: Mattia Aimola

Mattia Aimola
Senza peli sulla penna

Leggi anche

camoletto bigliotto volpiano

VOLPIANO. Bigliotto e Camoletto scatenate in consiglio sul decoro urbano

La scarsa cura del  decoro urbano a Volpiano? È «l’ennesima conferma dell’incapacità amministrativa» che Monica …

ospedale lanzo coronavirus

LANZO. Scintille tra Pd nazionale e Lega regionale sull’ospedale

Si torna a dare battaglia sull’ospedale di Lanzo. Questa volta le armi non sono imbracciate …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *