Home / BLOG / SETTIMO. Dna dei cani per risalire al padrone “distratto”? Per ora, è fantascienza

SETTIMO. Dna dei cani per risalire al padrone “distratto”? Per ora, è fantascienza

Qualcuno diceva: mi fido solo delle persone che raccolgono le deiezioni di Fido.

Sono mesi che i settimesi si lamentano, sui social e non, che sui marciapiedi della  propria città trovano molte deiezioni dei cani a cui si deve far attenzione se non si vuole, avendo “fortuna”, calpestarle. A Carmagnola, come in altre città italiane, si è scelta la linea dura: eseguire l’esame preventivo del DNA del cane così da poterlo successivamente comparare con quello delle feci lasciate sul marciapiede e quindi collegarlo con il nominativo dei padroni che non le raccolgono, per poi multarli. Una linea dura per garantire un miglioramento della pulizia delle strade.

E a Settimo cosa succede?

“Ci abbiamo pensato anche noi a questa possibilità – ha detto Massimo Pace, assessore all’ambiente, – solo che ha dei costi esorbitanti. Ricordo che all’anagrafe  canina sono registrati più di 5 mila cani ed eseguire l’esame del Dna a tutti sarebbe un dispendio economico non da poco. Però una cosa l’abbiamo fatta, da un po’ di tempo abbiamo sette ispettori ambientali che hanno la facoltà, come i vigili urbani, di multare chi non raccoglie le feci dei loro cani. Abbiamo anche pensato di acquistare un veicolo che raccogliesse le deiezioni lasciate sui marciapiedi, ma costa moltissimo a cui si deve aggiungere un’esosa manutenzione. Il vero problema rimane, però, l’inciviltà di quelle persone che non fanno quello che dovrebbero fare. A Settimo ci sono diverse aree per i cani che avrebbero bisogno di volontari per la loro cura.”.

“La realtà di Carmagnola è diversa dalla nostra – sottolinea Attilio Sosso, noto veterinario settimese – . Carmagnola è molto più piccola di Settimo. Ma le problematiche sono altre, perché, in primo luogo, bisognerebbe creare un Database con tutti i Dna dei cani e chi dovrebbe pagare il costo per gli esami? Non certo i padroni che non c’entrano nulla e che puliscono sempre. Inoltre, questi esami non possiamo farli noi veterinari nei nostri ambulatori, ma dovrebbero essere eseguiti in opportune sedi, come per esempio l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta di via Bologna a Torino. Comunque, secondo me, basterebbero semplicemente più controlli”.

Oggi, invece, si cambia rotta: molti comuni vorrebbero l’esame del Dna delle feci, per schedare il proprio amico a quattro zampe e risalire al padrone “distratto” che lascia sull’asfalto ciò che Fido produce. Fantascienza? Per adesso sì, come era impensabile, fino a vent’anni fa, fare una telefonata mentre si cammina per strada…

Commenti

Blogger: Marco G. Dibenedetto

Marco G. Dibenedetto
DIBENEINSETTIMO

Leggi anche

VENARIA. Per la Procura, la donna uccisa non era da codice rosso

“Sono due anni che mi sembra di vivere in un film. Come in ogni film …

Giustizia

CASTELLAMONTE. Attirava ragazze per farle prostituire, condannato a 15 anni

Quindici anni di reclusione: è la condanna pronunciata dal tribunale di Ivrea nei confronti di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *