Home / Dai Comuni / SETTIMO. Coronavirus, i sindacati: “In ospedale rischiamo il dramma”
Ospedale civico in via Santa Cristina,Settimo Torinese

SETTIMO. Coronavirus, i sindacati: “In ospedale rischiamo il dramma”

“La situazione dell’ospedale di Settimo è sempre più grave”. A lanciare l’allarme sono i sindacati che esprimono forti preoccupazioni “in merito alle scelte che continuano a essere perpetrate dalla società Saapa, dall’Asl To4 e dalla cooperativa Pg Frassati”.

“Un reparto dell’ospedale – spiegano sindacati della funzione pubblica, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpt – è stato destinato al Covid e i degenti, che occupavano i posti letto della riabilitazione che dovevano essere riconvertiti, sono stati dimessi e mandati in altre strutture o al domicilio. Alla luce dei circa 20 casi positivi accertati tra degenti, medici, infermieri e sindacati, più casi sintomatici in attesa di tampone, riteniamo molto grave che nessuno tra i dimessi sia stato sottoposto a test diagnostici per verificare un’eventuale positività al virus.

I risultati potrebbero essere drammatici, sia in termini di propagazione dei contagi tra la popolazione nei casi di rientri al domicilio, sia in termini di propagazione di contagi nelle case di riposo. Ai fisioterapisti in servizio all’ospedale è stato chiesto di lavorare in un altro appalto, presso il domicilio di alcuni degenti per conto dell’Asl To 3”.

Secondo i sindacati, “la situazione si sarebbe aggravata negli ultimi giorni a seguito della volontà di trasformare l’intero ospedale in presidio Covid, in quanto la Direzione Sanitaria starebbe procedendo con le dimissioni degli utenti in misura massiccia senza effettuare tamponi”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

Piazza Luigi Massa 1

MONTANARO. Ripartenza con entusiasmo e un po’ di paura

Il lockdown è terminato da poco e sono tante le incertezze sul futuro per chi …

Ponchia

MONTANARO. Un piano per rilanciare le attività locali

“Montanaro riparte” è lo slogan scritto a carattere maiuscolo dal primo cittadino Giovanni Ponchia, per …

Un commento

  1. Avatar
    Iginia Luisa Fierro

    Nello stesso ospedale mi risulta esserci un reparto,tuttora funzionante, dove lavorano medici, infermieri e ostetriche, che danno servizio a mamme, neonati e donne incinte. In questo momento è tutelata la salute di queste persone? Parlo del personale ma anche dei fruitori del servizio. E’ stato verificato che sono completamente isolati dal reparto Covid-19? Sono state prese tutte le dovute precauzioni per proteggere questi lavoratori? Sono stati dotati dei dispositivi medici di protezione previsti ( almeno mascherine adeguate)? Sarebbe giusto che si parlasse anche di questo, Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *