Home / In provincia di Torino / SETTIMO. Ancora polemiche nel nome di Ossola

SETTIMO. Ancora polemiche nel nome di Ossola

Non si placa il dibattito elettorale su Giovanni Ossola. I socialisti Massimiliano Barone e Salvatore Balbo avevano appena bacchettato il coordinatore di Forza Italia Andrea Fluttero per aver pubblicamente “scomodato” il defunto sindaco per legittimare la sua coalizione di centrodestra, che arriva a stretto giro di posta la replica di Antonio Silvestri, capogruppo di Lcs.

 

Questa sera, a margine della conferenza stampa indetta dal Nuovo Centrodestra, Silvestri rispondendo alle domande dei giornalisti ha contrattaccato. “Invito il consigliere Balbo ad andarsi a rivederei risultati delle elezioni del 2009. In quell’occasione Lcs fu locomotrice del progetto che portò Ossola come candidato sindaco, e noi abbiamo il diritto e il dovere di ricordare un grande sindaco. Se poi qualcuno che si pasce del garofano – e non mi sto richiamando a Rimbalzopoli (cioe a Barone, titolare dell’attività di via Galileo Ferraris, ndr) – non è stato in grado di gestire l’eredità di Ossola, è un problema suo. Non esiste il copyright sul buonsenso, e non ci vedo nulla di male nel fare riferimento ad un momento di prosperità che un singolo uomo è stato in grado di dare alla città. Il compianto Ossola per fortuna sua e della sua famiglia è patrimonio di tutta la città e non del Psi. Altrimenti ci sarebbe da mettersi sotto un tavolo e piangere. Vuol dire che quando amministreremo Settimo e dedicheremo una parte importante della città a Ossola, non inviteremo Balbo e Barone, visto che non vogliono dividere il nome di Ossola con nessuno”.

 

Sulla stessa lunghezza d’onda Carmen Gassino, presidente delle liste civiche Lcs, Democrazia per Settimo e 7° Giovani: “Sono loro, il Psi, a tradire la memoria di Ossola alleandosi con il centrosinistra. Ossola era il nostro candidato e si pose in contrapposizione con l’attuale amministrazione. Non siamo noi i traditori”.

Commenti

Blogger: Redazione

Redazione

Leggi anche

IVREA. E adesso parla Cimadom: “Manital non è in perdita!” (intervista)

C’è un’azienda. Si chiama Manital. Ha i bilanci in ordine ma non riesce a pagare …

CHIVASSO. Luca Garritano, artigiano orafo a cavallo fra tradizione e innovazione

Nell’era della tecnologia e del virtuale, dove si sta sempre più perdendo il contatto con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *