Home / BLOG / SETTIMO. A scuola senza zaino: se ne parla in sala Levi
IN VIA GIANNONE HA SEDE LA FONDAZIONE

SETTIMO. A scuola senza zaino: se ne parla in sala Levi

Andare a scuola senza zaino si può. Martedì, 26 giugno, alle ore 21, presso la sala Levi della biblioteca Archimede, Giorgio Borrometi, maestro e formatore, terrà una lezione di introduzione, aperta al pubblico, in cui  illustrerà una nuova prassi di insegnamento denominata “Scuola senza zaino”, nata una ventina di anni fa in Toscana. Gli spazi e le aule degli istituti vengono organizzati per facilitare un sentimento di comunità che permette un migliore incontro tra docenti e allievi. I banchi non sono disposti in file e rivolti verso un unico punto dell’aula, ma sono sistemati in piccole isole per 5-6 ragazzi che si relazionano imparando insieme. In questa visione, inoltre, la scuola dovrebbe fornire tutto il materiale utile per lo studio e per la crescita degli alunni, perché studiare non è solo un atto di responsabilità individuale, ma anche sociale. Un tablet, ad esempio, come gli altri strumenti didattici, non è del singolo che ne può fare quello che vuole, ma lo si trova a scuola, è della scuola, quindi è di tutti. Il tablet, nella scuola senza zaino, diviene uno strumento condiviso, ed è proprio nella condivisione che si sviluppa il processo di apprendimento. Senza tralasciare che questo è anche un sistema egualitario d’istruzione: a tutti vengono dati gli stessi strumenti senza distinzione di classe sociale. “O ci salviamo insieme o non ci salviamo affatto- sottolinea Giorgio -La scuola deve diventare un sistema di relazioni per costruire una comunità educante nel continuo scambio di conoscenze tra docenti e allievi”. L’ambiente, quindi, diviene la base sulla quale costruire il futuro dei nostri bambini. Secondo questa filosofia, l’ambiente è inteso come valore culturale che consente ai soggetti in formazione di affermare la loro esistenza, in un processo continuo di realizzazione personale e sociale. In Italia ci sono 232 istituti, più di duemila docenti e oltre trentamila studenti che lavorano “Senza zaino”. 

Commenti

Blogger: Marco G. Dibenedetto

Marco G. Dibenedetto
DIBENEINSETTIMO

Leggi anche

Vietato perdere, con il nuovo concorso de La Voce “vincisempre”. Corri in edicola!

Vietato perdere! E’ l’imperativo del nuovo concorso de “La Voce” che ha iniziato questa settimana …

CASTELLAMONTE. La Filarmonica festeggia Santa Cecilia

L’Associazione Filarmonica Castellamonte-Scuola di musica “Francesco Romana”, in collaborazione con l’Associazione Concertistica Castellamonte e con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *