Home / BLOG / Se non domiamo gli attuali Titani…

Se non domiamo gli attuali Titani…

Se non domiamo gli attuali Titani…
Oggigiorno nessun Stato è veramente sovrano se non doma i nuovi Titani, le multinazionali digitali, Amazon, Apple, Facebook e Google che continuano la loro marcia di espansione e di accumulo di capitali prendendo ieri il posto delle officine, dei negozi, oggi delle banche e domani dei governi. Mentre siamo distratti dalle minacce che dovrebbero arrivare dai migranti, il facile nemico esterno che ci viene additato non ci rendiamo conto che questi voraci Titani dalle cento braccia e cento teste da dentro ci avvolgono sempre di più soffocandoci anche nella democrazia. Quello che nessuno si domanda ma in Europa perché è nato il movimenti Brexit e perché in diversi paesi i sovranisti antieuropei raccolgono il consenso, invece di preoccuparci della sorte delle banche e della assicurazioni. Se ci domandiamo perché la gente è stufa di questa burocratica e cieca Europa forse riusciamo a scorgere che abbiamo sopra di noi una grigia cappa tessuta dal puro profitto ordita da questi neo Titani, l’elite finanziaria che fa ombra a tutti, anche ai governi per quanto sono grandi e forti. La democrazia come la conosciamo noi, sta diventando sempre più marginale dominata sempre più non dai cittadini ma dagli interessi finanziari, dal freddo e cinico profitto sull’umanità e il reciproco rispetto. Ci stiamo avvicinando al punto di non ritorno ed intanto i governanti continuano a ballare sulla tolda della nave.
Favria, 14.07.2019 Giorgio Cortese

Se le piante del parco potessero parlare, ci potrebbero raccontare la loro vita e la vita di chi ci ha preceduto per ricordarci che non dobbiamo mai dare niente per scontato

Commenti

Blogger: Giorgio Cortese

Giorgio Cortese
Vivere con ottimismo

Leggi anche

E adesso?

E adesso? E adesso siamo in crisi di Governo! Cosa è cambiato con il Governo …

NOLE. L Nóst Pais, da 25 anni per la tradizione

Da 25 anni l’Associazione ‘L Nóst Pais lavora sul territorio nolese cercando di mantenerne le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *