Home / BLOG / Scolmatore del Bendola, di nuovo tutto fermo

Scolmatore del Bendola, di nuovo tutto fermo

Grazie all’ intervento ed interessamento sulla questione scolmatore del gruppo consiliare dei Moderati per Brandizzo, costituito dal sottoscritto, Davide Pitton e Simone Ricca, con numerose interrogazioni qualcosa si è mosso e alcuni lavori di sistemazione sono stati effettuati. Sì perché nonostante collaudi, relazioni tecniche e quant’altro tutti i brandizzesi hanno ormai capito che lo scolmatore del torrente Bendola, così come è stato fatto, da progetto, non è in regola, non è a norma. Il progetto è stato fatto in modo errato, con gravi mancanze, proprio perché le abitazioni di via Braida non sono state tenute in considerazione, o meglio nel progetto dello scolmatore, chissà perché, qualcuno dovrebbe spiegarcelo, queste abitazioni non ci sono neppure sugli elaborati grafici e sulle tavole. Perché? Come mai? Questa è stata ed è una vergogna per l’amministrazione Buscaglia e per l’assessore ai lavori pubblici Dassetto. Dal comune hanno sempre risposto che è tutto in regola…ma è palesemente falso. E a farne le spese sono stati i residenti della zona che sono stati lasciati soli, completamente abbandonati a se stessi dall’amministrazione comunale, fino al nostro intervento. Dopo le nostre denunce e le proteste dei residenti della zona di via Braida è stata posizionata una scogliera lungo l’alveo del fiume, infatti l’alveo e le pareti erano state erose alla prima piccola piena ed erano franate, mettendo in pericolo chi in quella zona abita. Come avevamo richiesto già mesi fa è stato posizionato il guard rail lungo tutta la sponda interessata, ma nessuno ha provveduto a fare posizionare una recinzione ed una siepe divisoria: tutte promesse fatte dall’attuale amministrazione che, come al solito, non sono state mantenute e tutto è lì, fermo. Per non parlare del taglio dell’erba delle sponde: da quando lo scolmatore è stato realizzato non è mai avvenuto. Ma molte amministrazioni comunali lavorano in questo modo. Questo è il loro quotidiano “modus vivendi”. Ciò conferma che fin dalla prima interrogazione avevamo centrato l’obiettivo, tanto è vero che addirittura le sponde hanno ceduto a seguito delle piogge, pericolo che noi avevamo segnalato per tempo già nel mese di gennaio. Per maggiori informazioni sulla nostra attività amministrativa ed in particolare al riguardo delle lunghe vicissitudini e numerosi disagi sullo scolmatore potete trovare tutto sul nostro blog www.moderatiperbrandizzo.blogspot.it

Commenti

Blogger: Emiliano Rozzino

Emiliano Rozzino
Libero di...

Leggi anche

IVREA. Un botto e la città fu salva… Pastasciutta antifascista

Anche quest’anno l’Anpi e tutti coloro che lo vorranno si ritrova a condividere il ricordo di …

Rispetto, riconoscenza, ringraziare.

Rispetto, riconoscenza, ringraziare. Tanto tempo fa viveva in un paese Canavesano una famiglia composta da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *