Home / Dai Comuni / Sarà dedicata a Benito Atzei la sede dell’associazione nazionale carabinieri

Sarà dedicata a Benito Atzei la sede dell’associazione nazionale carabinieri

Sarà dedicata alla figura di Benito Atzei la sede dell’Associazione nazionale carabinieri di Venaria. La cerimonia si terrà questo sabato, 23 novembre, a partire dalle 9,30, alla presenza delle autorità civili e militari cittadine e di zona. Il taglio del nastro sarà effettuato dal presidente del sodalizio, il brigadiere in congedo Giuseppe Scavo. Il programma della giornata prevede il raduno alle 9,30 in piazza Atzei, con la resa degli onori e la deposizione di una corona in memoria del vice brigadiere medaglia d’argento al valore militare, nato a Gonnostramatza il 1 marzo 1934. La giornata proseguirà con la messa presso la chiesa “Madonna Regina della Pace” di via Guarini, officiata dal cappellano militare don Ugo Amparone. Poi, alle 11,15, la cerimonia proseguirà presso la sede di via Picco con l’alzabandiera e il taglio del nastro con annesso scoprimento della targa commemorativa. A Benito Atzei, oltre alla piazza ad Altessano, è dedicata anche la caserma di via Dante dove è presente il comando compagnia dell’Arma dei carabinieri di Venaria. La morte di Atzei è avvenuta a Rocca Canavese l’8 ottobre 1982 durante un conflitto a fuoco con alcuni militanti di Potere Rosso, una emanazione delle Brigate Rosse e del Partito Guerriglia. Il vice brigadiere era di servizio col carabiniere ausiliario Giovanni Bertello ad un posto di blocco a Remondato, frazione di Rocca Canavese, lungo la strada per Caselle. Il duo fermò per un controllo una Renault 5 a bordo della quale vi erano alcuni militanti delle Brigate Rosse. I terroristi spararono dalle auto, uccidendo il vicebrigadiere Atzei e ferendo Bertello, quindi si impadronirono delle armi dei carabinieri e fuggirono con un’altra auto, abbandonando la Renault 5. L’omicidio fu rivendicato da una telefonata che specificava le armi prese ai carabinieri. Gli assassini vennero individuati due giorni dopo l’omicidio, grazie al fatto che l’automobile abbandonata era di proprietà di uno di loro. Il successivo processo portò alla condanna, nel febbraio del 1985, dei terroristi Giuseppe Potenza, Fiore De Mattia, Giuseppe Scirocco e Roberto Tua.

Commenti

Blogger: Fabio Ugolini

Fabio Ugolini
Te lo do io il Fair Play

Leggi anche

CANISCHIO. Frana sulla SP 43: consegnati i lavori di consolidamento della strada

CANISCHIO. Frana sulla SP 43: completati i lavori di consolidamento.  Sono stati consegnati i lavori …

BRUSASCO. Dana esce dal carcere: sconterà il resto della pena a casa

Esce dal carcere Dana Lauriola, la portavoce del movimento No Tav arrestata il 17 settembre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *