Home / In provincia di Torino / SAN SEBASTIANO. Vandali minorenni danneggiano il presepe dell’Ancora
bava beppe
A destra, Giuseppe Bava

SAN SEBASTIANO. Vandali minorenni danneggiano il presepe dell’Ancora

Quindici anni appena e la voglia di fare qualcosa che resterà nella storia del paese. In negativo, s’intende e purtroppo. E’ così che tre ragazzini di San Sebastiano sono finiti nei guai per una pessima bravata che potrebbe costargli cara. I tre amici, nel tardo pomeriggio di mercoledì 31 dicembre, non hanno trovato altro di meglio da fare che prendere di mira il presepe che l’associazione Ancora di frazione Saronsella ha allestito in piazza San Pietro. Pensando di essere lontani da occhi indiscreti, approfittando del buio, i tre in pochi istanti si sono avvicinati al presepe ed hanno messo tutto sottosopra. Per poi darsela a gambe. Peccato – per loro – che la bravata sia stata ripresa dalle telecamere di videosorveglianza del Municipio: dopo che la Polizia Municipale ha visionato i filmati, non è stato difficile identificarli. Ora sono stati richiamati dal sindaco Beppe Bava affinché chiedano scusa all’intera comunità. Se lo faranno, eviteranno una denuncia. Altrimenti…

Commenti

Blogger: Emiliano Rozzino

Emiliano Rozzino
Libero di...

Leggi anche

Incidente stradale

BRANDIZZO. Muore in un incidente in moto in Alta Provenza

Un 36enne di Brandizzo è morto in un incidente in una strada in Alta Provenza …

IVREA. Dalla giunta del cambiamento alla giunta demo-pluto-giudaico massonica

Quando le voci cominciano a rincorrersi, insieme ai sorrisetti e ai mugugni qualcosa sotto c’è …

Un commento

  1. Bene questo significa che le telecamere sono un buon deterrente per chi fatica a stare nella normalità. Se qualcuno avesse capito questa importanza probabilmente da tempo questo deterrente sarebbe diventato lo strumento giusto per evitare fatti come questo ed evitare lo scarico impunito di diverse immondizie, creando di fatto discariche abituali in diversi punti del territorio comunale. Occasione persa! Non vuole essere una polemica, ma un monito a chi non è abituato ad ascoltare. Ora l’importante è che ci siano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *